Porno catégorie escort se deplace

porno catégorie escort se deplace

Instead, here was the result. If you were already part of a cultural group predisposed to distrust climate science—e. The result was that, overall, more scientific literacy and mathematical ability led to greater political polarization over climate change—which, of course, is precisely what we see in the polls.

So much for education serving as an antidote to politically biased reasoning. For one thing, well-informed or well-educated conservatives probably consume more conservative news and opinion, such as by watching Fox News. If challenged, they can then recall and reiterate these arguments. What this suggests, critically, is that sophisticated conservatives may be very different from unsophisticated or less-informed ones. Paradoxically, we would expect less informed conservatives to be easier to persuade, and more responsive to new and challenging information.

In fact, there is even research suggesting that the most rigid and inflexible breed of conservatives—so-called authoritarians—do not really become their ideological selves until they actually learn something about politics first. So now the big question: But there are also reason to think that, with liberals, there is something else going on. Nuclear power is a classic test case for liberal biases—kind of the flipside of the global warming issue--for the following reason.

But this impulse puts them at odds with the views of the scientific community on the matter scientists tend to think nuclear power risks are overblown, especially in light of the dangers of other energy sources, like coal. Rather, they moved in the opposite direction from where these initial impulses would have taken them.

They become less worried—and, I might add, closer to the opinion of the scientific community on the matter. It looks a lot more like open-mindedness. First, these findings are just one small slice an emerging body of science on liberal and conservative psychological differences, which I discuss in detail in my forthcoming book. In fact, recent evidence suggests that wanting to explore the world and try new things, as opposed to viewing the world as threatening, may subtly push people towards liberal ideologies and vice versa.

Politically and strategically, meanwhile, the evidence presented here leaves liberals and progressives in a rather awkward situation. Nevertheless, this knowledge ought to be welcomed, for it offers a learning opportunity and, frankly, a better way of understanding politics and our opponents alike.

For instance, it can help us see through the scientific-sounding arguments of someone like Rick Santorum, who has been talking a lot about climate science lately—if only in order to bash it. And he is obviously intelligent and capable—but not, apparently, able to see past his ideological biases.

Viewing all this as an ideologically defensive maneuver not only explains a lot, it helps us realize that refuting Santorum probably serves little purpose. A more scientific understanding of persuasion, then, should not be seen as threatening. Indeed, if we believe in evidence then we should also welcome the evidence showing its limited power to persuade--especially in politicized areas where deep emotions are involved.

Before you start off your next argument with a fact, then, first think about what the facts say about that strategy. This means that education matters, and the type of education offered matters.

It also offers some relief to people such as myself, whose procreative efforts are strictly at replacement level. Thus there are people who end up in either of the two political slots offered in the US who fit both models.

I think that the ideology of our political parties make some sense looking at their historical roots, but in modern terms are somewhat arbitrary. At the extremes, there are some leftists who are incredibly rigid thinkers, who believe that everyone should think as they do, or else. I do believe, however that it highlights the unfortunate fact that for humans, grasp of civilization is tenuous. This means that without continuous nurturing, without serious efforts at building and maintaining the key elements of civilized society, humans are eminently capable of backsliding.

I think that having a deeper understanding of human cognitive processing. Over the last year here at DeSmogBlog , my writings have converged around a set of common themes. The book is now finished in draft form—due out next year with Wiley—and it is long past time to formally announce its existence.

I can also share the text that will soon go up to Amazon and elsewhere. From climate change to evolution, the rejection of mainstream science among Republicans is growing, as is the denial of expert consensus on the economy, American history, foreign policy and much more. I know very well that this invites controversy, so let me say even though I expect many conservatives will ignore it! The implications of this argument about liberalism, conservatism, and the facts are vast.

Meanwhile, cases of liberals or moderates attacking their own allies and making really weak arguments—e. Meanwhile, if you want to know more, the always awesome David Roberts has recently written two perceptive columns with a very similar theme. See here and here. And Andrea Kuszewski has covered the cognitive neuroscience of liberalism and conservatism in a very smart piece here.

It's not just his giant income or the low tax rates he pays on it. And it's not just the videotape of him berating almost half of America, or his endless gaffes, or his regressive budget policies. It's something that unites all of this, and connects it to the biggest underlying problem America faces -- the unprecedented concentration of wealth and power at the very top that's undermining our economy and destroying our democracy.

He released his return in January, showing he paid an effective tax rate of American has had hugely wealthy presidents before -- think of Teddy Roosevelt and his distant cousin, Franklin D.

Roosevelt; or John F. Kennedy, beneficiary of father Joe's fortune. But here's the difference. These men were champions of the working class and the poor, and were considered traitors to their own class.

Teddy Roosevelt railed against the "malefactors of great wealth," and he busted up the oil and railroad trusts. FDR thundered against the "economic royalists," raised taxes on the wealthy, and gave average working people the right to form unions -- along with Social Security, unemployment insurance, a minimum wage, and a hour workweek.

But Mitt Romney is not a traitor to his class. He is a sponsor of his class. And he wants to cut benefits that almost everyone else relies on -- Medicare, Medicaid, Social Security,.

He's even a warrior for his class, telling his wealthy followers his job isn't to worry about the "47 percent" of Americans who won't vote for him, whom he calls "victims" and he berates for not paying federal incomes taxes and taking federal handouts. He mangles these facts, of course. Moreover, most of the "47 percent" whom he accuses of taking handouts are on Medicare or Social Security -- the biggest "entitlement" programs -- which, not incidentally, they paid into during their working lives.

Concentrated wealth at the top means extraordinary power at the top. And that loophole exists solely because private equity and hedge fund managers have so much political clout -- as a result of their huge fortunes and the money they've donated to political candidates -- that neither party will remove it. In other words, everything America is learning about Mitt Romney -- his tax returns, his years at Bain Capital, the video of his speech to high-end donors in which he belittles half of America, his gaffes, the budget policies he promotes -- repeat and reenforce the same underlying reality.

So much wealth and power have accumulated at the top of America that our economy and our democracy are seriously threatened. Romney not only represents this problem. He is the living embodiment of it. Time Magazine named him one of the ten most effective cabinet secretaries of the last century. He has written thirteen books, including the best sellers "Aftershock" and "The Work of Nations.

He is also a founding editor of the American Prospect magazine and chairman of Common Cause. Follow Robert Reich on Twitter: La globalizzazione, la libertà di movimento dei capitali, i portafogli delle banche gonfie di titoli d'incerta solvibilità, la contrazione dell'economia reale che rischia di trasformarsi in una recessione vera e propria, coinvolgono l'intera struttura monetaria, bancaria e produttiva dell'Occidente ma anche dei cosiddetti Paesi emergenti.

Non esistono più compartimenti-stagno. Qualche settimana fa usammo l'immagine delle "matrioske", una dentro l'altra raccolte in un unico contenitore. E anche l'immagine dei vasi comunicanti soggetti in ogni loro livello alla stessa pressione atmosferica. Queste due immagini configurano l'intreccio esistente nell'economia mondiale e spiegano perché la crisi attuale non è come quella del '29 ma molto peggiore.

Gli Stati Uniti cercano d'uscire dal pantano adottando una politica espansiva. La risposta europea è stata finora l'opposto di quella di Obama: Questa disparità tra le due maggiori economie occidentali non facilita l'uscita dal pantano della stagnazione, tanto più che l'espansionismo di Obama è frenato dal Congresso e dall'imminenza delle elezioni presidenziali.

Non staremo dunque a ripeterci se non per constatare che essa non è autosufficiente. E' bastato che il rappresentante tedesco Juergen Stark si dimettesse dalla Banca centrale europea per dissensi sulle operazioni d'intervento a sostegno dei titoli italiani, a provocare l'ennesimo crollo a piazza degli Affari e l'ennesima impennata dello "spread" rispetto ai "Bund" tedeschi. La manovra voluta dalla stessa Bce e dalle autorità europee dunque non basta.

La Bce aveva raccomandato rigore e crescita, è vero. Ma le misure destinate al rigore le aveva dettagliate e sono state infatti inserite nel decreto, mentre quelle destinate a rilanciare la crescita le aveva soltanto auspicate e genericamente indicate: Nessuna di quelle riforme è stata presentata se non si vuole prender sul serio come terapia la riscrittura dell'articolo 41 della Costituzione che comunque diventerà legge non prima di un anno e le cui capacità terapeutiche sono una grottesca patacca.

Solo ieri, dopo le dimissioni di Stark e il crollo dei mercati europei e americani, i veri autori della manovra si sono resi conto che il rigore senza crescita non solo non basta ma è addirittura controproducente: In medicina si chiama pancreatite una malattia molto spesso mortale: Il "gabinetto di guerra" che etero-dirige un governo e un Parlamento inesistenti premerà nelle prossime ore affinché la manovra, con una sua sesta versione, contenga anche elementi di rilancio.

Sicuramente sono utili se configurassero una società veramente liberale, con più mercato, disciplinato da regole e controlli che impediscano lo scivolamento verso oligopoli e rendite di posizione. Pensare che sia questa la riforma capace di rovesciare il "trend" depressivo che ci minaccia significa pensare di giocar con le stelle mentre qui ed ora dobbiamo usare la leva del fisco, la sola che possa produrre risultati rapidi e concreti. La leva del fisco, se si vogliono realizzare risultati tangibili sull'evoluzione del Pil e quindi rilancio sia dei consumi sia degli investimenti, deve puntare su un alleggerimento delle imposte sui redditi medi fino ad un livello di mila euro annui lordi e un contemporaneo analogo sgravio delle imposte che, insieme ai contributi previdenziali, determinano il cuneo fiscale che grava sulle imprese e sulle retribuzioni.

Ci vuole inoltre un intervento che acceleri il pareggio del deficit e il saldo attivo delle partite correnti. Evidentemente no, i saldi del rigore vanno tutelati.

Allora come, se non ricorrendo ad una qualche forma d'imposta sul patrimonio? Meglio se ordinaria e non "una tantum"? Non si tratta di un atto conforme alla politica del governo tedesco, ma dell'impennata dei "falchi" della Bundesbank che giocano d'anticipo contro eventuali svolte della Merkel in vista d'una nuova "grossa coalizione" con i verdi e con la socialdemocrazia. I "falchi" della Bundesbank sono da sempre contrari ad un'evoluzione dell'Europa verso un vero governo federale e verso un bilancio europeo che si faccia carico della politica fiscale comune.

Le dimissioni di Stark fanno parte di questo scontro all'interno della politica tedesca, tantoché la persona già designata a sostituirlo ha caratteristiche decisamente opposte a quelle del dimissionario. Se quelle dimissioni hanno provocato una tempesta sui mercati che aveva come oggetto principale la nostra manovra economica, quell'effetto è la prova provata di quanto abbiamo fin qui scritto sulla drammatica incompletezza della nostra politica economica dal lato della crescita.

Questo spiega anche le parole durissime della Marcegaglia che per la prima volta ha reclamato non soltanto una manovra definitivamente efficace, ma le dimissioni dell'attuale governo. Se non ci sarà al più presto questa soluzione, avremo il marasma e lo sfascio.

Tenere ancora in piedi un morto che cammina è la cosa peggiore che ci possa accadere. L'economia mondiale deve fare i conti con la "minaccia di una spirale negativa". Una manifestazione della Cgil a Bologna contro la manovra finanziaria. ROMA - Cento e 87 tavoli di crisi ancora aperti al ministero dello Sviluppo economico, mila lavoratori il cui futuro occupazionale è in bilico anche da due anni e poi mila dipendenti in cassa integrazione, mila dei quali in cassa straordinaria e in deroga.

Sono i numeri che la Cgil ricorda nel rilanciare le ragioni dello sciopero generale del 6 settembre. In gravi difficoltà, sottolinea la Cgil sono i macro settori produttivi, come testimoniano le numerose vertenze legate alla chimica, all'itc information and communications technology , ma anche al settore farmaceutico, navalmeccanico, degli elettrodomestici, della ceramica, del mobile imbottito e dei trasporti. Ecco le 20 vertenze simbolo ricordate oggi dalla Cgil.

Agile-Eutelia - Coinvolge 1. I sindacati rivendicano urgentemente la presentazione dei bandi relativi alla vendita dell'azienda. Risulta ancora mancante l'atto di indirizzo del ministero, mentre c'è una manifestazione di interesse da parte del manager.

Alenia - Il futuro del gruppo, a crisi non formalizzata la situazione, preoccupa soprattutto per l'impatto che avrebbe nel Mezzogiorno Campania e Puglia su tutte dove Alenia aeronautica impiega quasi 12mila lavoratori, 5mila dei quali concentrati in Campaniaa, mentre l'indotto ne occupa circa il doppio.

Atitech - Sindacati e lavoratori denunciano un inesorabile declino dello stabilimento di Capodichino di Napoli che si occupa di manutenzione aeronautica. Il calo progressivo delle commesse provoca un ricorso sempre più massiccio alla cassa integrazione straordinaria per i circa lavoratori impiegati. Basell - Punto focale della crisi della chimica in Umbria, la multinazionale Lyondell Basell ha aperto da oltre un anno una crisi che mette a rischio il lavoro di operai in cassa integrazione e ormai prossimi al licenziamento.

Centinaia poi i posti che gravitano nell'indotto. Si susseguono le proteste e i blocchi negli stabilimenti ternani per scongiurare la dismissione degli impianti.

Eaton - La fabbrica di Massa è occupata dal 6 ottobre , da quando cioè la multinazionale Eaton ha deciso di chiudere uno stabilimento che impiegava oltre operai nella produzione di componentistica per l'industria dell'auto.

Al momento nessuna soluzione in vista. Eurallumina - Allo stabilimento Eurallumina di Portovesme, in stand by da oltre due anni, sono ancora gli operai parcheggiati in cassa integrazione mentre se ne contano appena 35 in attività e a rotazione.

Gruppo Fiat - Termini Imerese chiuderà le produzioni il 31 dicembre. Intanto, dopo la chiusura della fabbrica Cnh di Imola, avvenuta il primo giugno scorso, il Lingotto ha annunciato la cessione dello stabilimento Irisbus di Flumeri, in provincia di Avellino, al gruppo imprenditoriale molisano Di Risio.

Circa dipendenti più l'indotto sono contrari alla cessione. Lo stabilimento Irisbus dipende da Fiat Industrial ed ha prodotto finora autobus per trasporto pubblico. Fincantieri - E' stato ritirato il piano industriale che prevedeva 2. Ideal standard - La crisi di punta del distretto della ceramica di Civita Castellana, nel Lazio, che conta oltre 3. Di questi in circa sono in capo alla Ideal Standard. Magona - A settembre parte la mobilità nello stabilimento Magona di Piombino che fa capo al gruppo Arcelormittal.

L'azienda, specializzata nella produzione di acciai speciali, occupa tra diretti e indiretti circa lavoratori. La scelta sarà su base volontaria almeno a settembre, per poi passare a ottobre a una fase di uscita incentivata sempre volontaria. Gruppo Antonio Merloni - I commissari straordinari dell'azienda avrebbero restituito la caparra di 2 milioni all'azienda iraniana Mmd, che avrebbe dovuto rilevare gli stabilimenti.

I lavoratori coinvolti sono 2. Sarebbero in corso contatti con altri imprenditori, ma non ci sono certezze nell'immediato. Omsa - Sono in corso le verifiche sul riutilizzo dello stabilimento Omsa di Faenza e per la salvaguardia dell'occupazione. La scelta della capogruppo di spostare la produzione in Serbia lascia in bilico le operaie del sito di Faenza e le circa della Golden Lady di Gissi, in Abruzzo.

Pfizer - Si trascina senza soluzione in vista la vicenda del centro di ricerca farmaceutica Pfizer di Catania. Il sito del capoluogo etneo dell'azienda è in stato di agitazione dall'apertura della procedura di mobilità per lavoratori dello stabilimento. Phonemedia - Un caso drammatico di crisi irrisolta.

L'ex Phonemedia, fino a tre anni fa colosso dei call center con 12 sedi sparse in tutta Italia, ha lasciato senza lavoro circa 5. Porto Gioia Tauro - Dopo tre giorni di sciopero che hanno bloccato l'attività nello scalo, è passato il referendum sull'intesa siglata da sindacati e il terminalista Mct sulla cassa integrazione nel porto di Gioia Tauro.

L'ipotesi di accordo prevede il ritiro dei esuberi su 1. Severstal-Lucchini - C'è stato un accordo con le banche per l'avvio di un processo di ristrutturazione del debito da milioni di euro delle acciaierie Lucchini. Ora va sondato il terreno per l'ingresso di nuovi acquirenti nell'azienda che vanta in Italia cinque stabilimenti Piombino, Bari, Lecco, Trieste e Candove nel Torinese.

Al momento dei 2. Ad agosto nel sito di Piombino sono stati in cassa integrazione ordinaria 1. Sirti - Il gruppo specializzato nel settore della telefonia, impianti, apparecchi e reti, occupa circa 4. Thyssenkrupp - La multinazionale dell'acciaio ha confermato l'intenzione di procedere allo scorporo dell'area inox, ma non sono ancora chiari tempi e modalità.

La decisione avrebbe effetti diretti sullo stabilimento di Terni e sulle prospettive occupazionali dei suoi circa 3. Videocon - L'azienda di Anagni, produttrice di televisori, si avvia ormai verso il fallimento con 1. Al tavolo aperto presso il Mise si è deciso infatti nei giorni scorsi di abbandonare il percorso per la certificazione del debito dell'azienda, procedendo verso il concordato preventivo e la probabile apertura di una procedura fallimentare.

Vinyls - Sembra definitivamente tramontata l'ipotesi di una vendita in blocco dei tre stabilimenti Porto Marghera, Ravenna e Porto Torres a favore di uno 'spezzatino'. Per Ravenna l'ipotesi più accreditata sembra essere quella della Igs di varese. Mentre per Marghera e Porto Torres ogni ipotesi sul futuro è rimandata. Senza contare l'indotto che gravita intorno ai tre stabilimenti, i lavoratori del gruppo che rischiano sono dei circa complessivi.

I dati dell'Osservatorio di Cerved Group. Sui tassi di insolvenza il "disastro" lombardo trascina tutto il Nord, la parte più colpita del Paese. Un mese fa il governatore Draghi ha ricordato uno scritto preveggente di Carlo Cipolla, I decenni del declino, , in Storia facile dell'economia italiana Mondadori, Tre generazioni più tardi l'Italia era un Paese sottosviluppato.

I "soprannumero" sbattuti anche a decine di chilometri da casa. Scendono anche l'occupazione e le forze di lavoro, per effetto dello 'scoraggiamento".

Il dato, in linea alle attese degli economisti sentiti da Reuters, segna il livello più elevato dall'ultimo trimestre del Mille piccole crisi senza risonanza, il volto nascosto di un'economia dove la ripresa ancora non si vede. Viaggio tra aziende che chiudono, vertenze, contratti di solidarietà e cassa integrazione a zero ore. L'azienda annuncia anche esuberi e la cassa integrazione straordinaria.

A Scandicci sindacati e azienda trovano l'accordo sulla cassa integrazione per i dipendenti dell' Isi , ex Electrolux, al centro di un tentativo di riconversione industriale. A Catania la commissione regionale per l'impiego dà il via libera alla concessione della cassa integrazione in deroga per gli operatori del call center Ratio Consulta. Inizia lo sciopero alla Salami di Modena. A maggio scade la cassa integrazione e i sindacati temono che possano perdere il posto 35 dei dipendenti dell'azienda metalmeccanica.

La direzione aziendale si è detta disposta a valutare "tutti gli ammortizzatori sociali disponibili", da utilizzarsi "in ogni caso, nel rispetto dell'economicità della gestione per salvaguardare il lavoro di oggi e di domani". A Carpi prime ore di sciopero anche alla Steton che produce macchine per la lavorazione del legno. L'azienda ha annunciato 27 licenziamenti. Sindacato e lavoratori chiedono una riduzione del numero degli esuberi, l'allungamento della cassa integrazione straordinaria in scadenza dopo 12 mesi, l'impegno dell'azienda a integrare economicamente gli ammortizzatori sociali.

Scaduta la cassa integrazione ordinaria alla Somaschini spa , azienda metalmeccanica di Trescore Bergamo , azienda e sindacato firmano l'intesa sui contratti di solidarietà per dipendenti su Fa un passo indietro la società barese New Age che si era detta interessata all'acquisto dell' Arcte di Bologna , azienda di intimo e beach wear in concordato preventivo da febbraio dopo il fallimento della proprietaria Bdh, holding del gruppo Burani.

A rischiare il posto ora sono tutti e i dipendenti, oggi in gran parte in cig. New Age si era impegnata a salvare 50 posti di lavoro per almeno 5 anni. Il ripensamento è attribuito alla verifica sullo stato dell'azienda e del suo magazzino.

Teleperformance , azienda di call center, annuncia l'avvio delle procedure per il licenziamento di circa 1. La Slc-Cgil parla di "scelta vergognosa del management" e sottolinea che nel disastro del settore dei call center incide anche la "totale irresponsabilità dei grandi committenti che alimentano il dumping con gare al massimo ribasso".

Ma questo non è successo. Per poter guardare a un futuro di miglioramento Teleperformance auspica un immediato intervento governativo atto a regolamentare il mercato dei call center e richiede al governo di eliminare ogni forma di aiuto che leda la concorrenza. Il management si rende sin d'ora disponibile ad ogni confronto sul tema con le istituzioni". I lavoratori della Tecnol di Barberino del Mugello approvano l'accordo sulla cassa integrazione straordinaria per un massimo di 12 mesi a rotazione per addetti su L'azienda anticiperà la "cassa" e ne integrerà l'importo.

Con uno sciopero si apre la vertenza alla Chinook di Piossasco Torino dopo che l'azienda, che produce compressori ad aria, ha annunciato il licenziamento per 60 dei lavoratori a causa del calo di fatturato dell'ultimo anno. Secondo i sindacati, l'azienda ha ancora a disposizione sei mesi di cassa ordinaria e un anno di straordinaria. L'azienda produce box doccia multifunzione e vasche idromassaggio. Si apre la vertenza alla Esa-Gv di Campogalliano Modena.

L'azienda ha annunciato una quindicina di esuberi sui 39 dipendenti totali, la cassa integrazione straordinaria per 12 mesi senza rotazione né maturazione di ferie, premessi e tredicesima. Rsu e sindacato respingono il piano a partire dai licenziamenti e rilanciando la proposta dei contratti di solidarietà.

L'Esa-Gv si occupa di programmi informatici e apparecchiature per la gestione di macchinari a controllo numerico. La protesta è scattata dopo l'annuncio dell'azienda per l'avvio della cassa integrazione di nove lavoratori su quaranta. L'azienda Incanto di Matera, attiva nel settore del mobile imbottito, ha attualmente dipendenti in cassa integrazione ordinaria. Fa notizia perché in questo giorno hanno ricevuto dall'Inps il pagamento delle spettanze relative al gennaio scorso.

La Piaggio Aero Industries annuncia 13 settimane di cassa integrazione ordinaria, con possibilità di proroga, per dipendenti dello stabilimento di Finale Ligure. L'amministratore delegato dello stabilimento Italcementi di Sassari -Scala di giocca annuncia il licenziamento e la collocazione in mobilità per i 32 dipendenti. Sindacati e lavoratori chiedono un incontro alla Regione. L'azienda metalmeccanica ha confermato l'intenzione di procedere al licenziamento di lavoratori su alla scadenza della cassa integrazione anziché chiedere la proroga della cig.

I dipendenti dell'agenzia di vigilanza privata "La partenopea" di Napoli ricevono la lettera di licenziamento. L'istituto afferma che il provvedimento è causato dalla perdita di una serie di incarichi assegnati, tramite appalto, ad altre ditte del settore.

Bialetti chiude lo stabilimento piemontese di Omegna culla della celebre caffettiera Moka e dell'Omino coi baffi e mette in mobilità i dipendenti dell'impianto. La decisione, annuncia il gruppo, rientra nel piano di riorganizzazione della struttura industriale ed è legata alla "perdurante crisi congiunturale del mercato di riferimento".

Sciopero dei dipendenti al lavoro e presidio di quelli in cassa integrazione alla Keller di Palermo , fabbrica metalmeccanica. La protesta per rivendicare il pagamento dello stipendio di marzo e il mantenimento degli impegni assunti dalla Regione per sostenere il reddito dei lavoratori in cig. Nel corso di un incontro informale, il titolare della Weissenfels Traction , Paolo Zanetti, comunica ai sindacati l'intenzione di chiudere l'azienda di Gemona Udine. Una decisione che gela i 36 lavoratori visto che pochi giorni prima era stato sottoscritto l'accordo per la proroga della cassa integrazione ordinaria per altre 13 settimane.

L'impresa produce catene da neve professionali. A Cagliari scendono in piazza i lavoratori socialmente utili impiegati dalle imprese che curano la pulizia delle scuole. Le rdb denunciano licenziamenti in Sardegna e 5mila in tutta Italia dai consorzi delle aziende del settore dopo il taglio di milioni di euro operato dal decreto A Gorizia viene sottoscritto l'accordo per la proroga di 12 mesi della cassa integrazione in deroga per i lavoratori della Eaton di Monfalcone.

Il sindacato auspica che la proroga consenta di pensare al futuro dello stabilimento dove sono oltre i dipendenti in cassa a zero ore. Nulla di fatto dall'assemblea dei soci di Geomeccanica di Venafro Isernia. L'azienda, che produce macchinari per trivellazioni, è ferma da settimane e i 90 dipendenti sono in cassa integrazione. L'assemblea doveva pronunciarsi sulla proposta di affitto dell'azienda per 48 mesi, presentata dalla Egt di Parma.

Geomeccanica ha anche presentato una proposta di concordato preventivo al tribunale di Isernia. Intesa per limitare i danni alla Srs di Fiorano Modena. L'azienda, che lavora nel settore della serigrafia e della grafica, aveva annunciato un piano con 60 esuberi sui dipendenti.

L'accordo prevede una riduzione degli esuberi a 40 con incentivi all'esodo. ROMA - Non ci sono i soldi per prolungare la cassa integrazione ordinaria da 52 a 78 settimane. Non ci sono soldi per la norma cosiddetta salva-Eutelia, quella che avrebbe assicurato un sostegno ai lavoratori privi di qualsiasi ammortizzatore e senza stipendio da almeno tre mesi. Entrambe le misure sono state escluse, con la bocciatura in Commissione bilancio alla Camera, dal disegno di legge sugli ammortizzatori sociali.

A confermare che questo pericolo è reale sono le tante vertenze locali di cui non si parla nei tg, le "piccole crisi senza importanza" sulle quali Repubblica. Il sindacato annuncia che impugnerà i licenziamenti in quanto nulli, essendo stato firmato un mese fa l'accordo sulla cassa integrazione straordinaria per crisi.

I sindacati incontrano il commissario straordinario della Provincia per chiedere lo sblocco dei mila euro stanziati dall'amministrazione provinciale a favore dei lavoratori del call center Phonemedia di Trino Vercellese , che attendono di ricevere la cassa integrazione in deroga riconosciuta loro a partire dal 22 febbraio.

L'ultimo stipendio ricevuto dai dipendenti di Trino, come quelli di tutto il gruppo Phonemedia circa 7mila è quello di settembre Con loro alcuni lavoratori dell'Eurallumina e dell'Alcoa. La protesta per chiedere alle istituzioni un'iniziativa che porti alla riapertura della fabbrica. Gli 80 dipendenti della casa di cura privata "Villa Alba" di Agnano Napoli occupano la clinica e salgono sul tetto per protesta contro l'ipotesi di chiusura della struttura.

Siglato a Cagliari l'accordo istituzionale per il reimpiego degli 83 lavoratori dell' ex Nuova Scaini in liquidazione, giunti alla quarta e ultima proroga dell'indennità di mobilità in deroga. Dovrebbero essere impiegati in progetti degli enti locali e territoriali. A Zola Predosa Bologna inizia il blocco ai cancelli della Fini compressori.

Rdb e sindacati contestano la decisione dell'azienda di mettere in mobilità dipendenti su in presenza di un accordo per la cassa integrazione in deroga. Dopo tre cicli di 16 settimane di cassa integrazione, in assenza di segnali da parte della proprietà, proclamano lo sciopero a tempo indeterminato i circa 50 dipendenti della ex Rdb oggi gruppo fantini Scianatico di Torano Castello Cosenza.

L'impresa produce laterizi e manufatti in cemento per costruzioni. A dicembre scadrà la cassa integrazione per tutti i lavoratori. Alla Basell di Terni scade il termine entro il quale, da annuncio dell'azienda, sarà avviata la procedura di cessazione delle attività dello stabilimento chimico ternano. I parlamentari pd eletti in Umbria chiedono l'intervento del ministero e del governo. L'incontro è convocato per il 20 aprile.

Raggiunto l'accordo di massima tra azienda, istituzioni e sindacati per concedere la cassa integrazione in deroga a 7 lavoratori, su dodici totali, licenziati il 31 marzo scorso dalla Comar di Sinalunga , azienda di carpenteria e macchinari per legno. L'intesa prevede il ritiro dei licenziamenti ma andrà ratificata da tutti i soci dell'azienda. Rsu e lavoratori della Rockwool di Iglesias , da sei mesi in assemblea permanente all'interno dello stabilimento in località Sa Stoia, decidono di portare la propria lotta all'esterno e organizzano un "accampamento" sul ponte di Campo Pisano.

La cassa integrazione attivata dall'azienda produzione di lana di roccia per cessazione di attività sta per arrivare alla scadenza e al momento non si vede alcuna prospettiva per i lavoratori. Il deputato pd Massimo Marchignoli presenta un'interpellanza urgente al ministero per lo sviluppo economico sul caso della Cnh di Imola , controllata Fiat che produce macchine per movimento terra.

I dipendenti sono in cassa integrazione dal 31 agosto scorso e da allora la commissione tecnica attivata al ministero non è riuscita a trovare una nuova iniziativa industriale per salvare i posti di lavoro. La direzione della Istamp di Baldichieri d'Asti annuncia che l'azienda è costretta a chiudere per mancanza di commesse. La fabbrica occupa una cinquantina di operai e dal produce stampi per grandi fabbriche quali Ceset e Piaggio.

Del caso si parlerà nei prossimi giorni in un incontro tra le parti presso la Regione. Solution, la newco che ha affittato macchinari e stabilimento e assunto 70 dei dipendenti della fallita Euroform di Pordenone. Anche in attesa delle decisioni del curatore fallimentare, Co. Solution ha dato la disponibilità per gli adeguamenti richiesti al piano industriale e confermato il positivo avvio dell'attività in termini di ordinativi, fatturato e produttività.

La Scm , azienda riminese attiva nella produzione di macchine per la lavorazione del legno conferma la volontà di chiusura dello stabilimento Scm di Pesaro Morbidelli e il trasferimento del personale nello stabilimento di Rimini su cui ha raggiunto un accordo con la Fiom Cgil di Pesaro. La ristrutturazione è motivata con la crisi e l'andamento del mercato. L'azienda parla di 32 pensionamenti, 22 dimissioni volontarie, 21 contratti a termine in scadenza e 71 lavoratori richiamati dalla cassa integrazione a zero ore.

I sindacati chiedono l'applicazione dei contratti di solidarietà per 24 mesi alla Europlastica di Pasiano di Pordenone , società di subfornitura nel mercato dell'elettrodomestico, in crisi da circa un anno e mezzo. La richiesta è fatta in vista della scadenza degli ammortizzatori sociali oggetto dell'accordo vigente per i 77 dipendenti sul totale di dichiarati in esubero: I sindacati avranno 45 giorni di tempo per cercare una soluzione.

L'azienda metalmeccanica è un pezzo importante della storia industriale del Lecchese essendo stata fondata nella seconda metà del Settecento. Ci sarebbe una società americana interessata a insediare proprie attività nell'area dello stabilimento dell' ex Finmek di Santa Maria Capua Vetere Caserta.

Lo ha annunciato il sindaco Giancarlo Giudicianni. Sono i lavoratori ex Finmek al momento senza alcuna prospettiva occupazionale. I vertici di Nca di Marina di Carrara annunciano la cassa integrazione ordinaria al cantiere navale per 13 settimane; il provvedimento interesserà 25 dipendenti tra operai e impiegati ed è stato motivato con il mancato ottenimento di commesse pubbliche registrato all'incontro al ministero dello sviluppo economico.

In estate, quando il carico di lavoro è al minimo, la cig potrà arrivare a interessare dipendenti sul totale di Arrivano le prime 76 lettere di licenziamento agli operai della Fini compressori di Zola Predosa Bologna. L'azienda non intende recedere e Rdb e sindacati hanno dato mandato ai legali per impugnare i licenziamenti che riguardano dei dipendenti.

I Comuni di Zola e Casalecchio forniscono il pasto agli operai che presidiano la fabbrica. Nelle lettere la Fini afferma che non esistono "alternative al personale strutturalmente in esubero". I tagli riguardano soprattutto i settori produttivi: Il pd chiede l'intervento del ministero. Entro maggio ci sarà un nuovo incontro sulla situazione dei 60 dipendenti della controllata Cervino per i quali la cassa integrazione per crisi scade il 24 maggio.

Stato di agitazione alla Playtex di Pomezia dopo l'annuncio del licenziamento, il prossimo giugno, dei dipendenti, quasi tutte donne. Rsu e lavoratori presidiano i cancelli con picchetti, striscioni, manifesti e proteste. L'azienda ha dato la disponibilità a sospendere i licenziamenti e ad attivare la cassa integrazione ordinaria fino alla fine di maggio, quando si concluderanno le verifiche aziendali sulle condizioni minime per un rilancio.

Negli ultimi 18 mesi, 28 lavoratori su 47 sono stati in cassa a zero ore. Due ore di presidio sotto i Portici del grano per i lavoratori Telecom della provincia di Parma. La protesta è contro il piano industriale annunciato dall'azienda che prevede migliaia di esuberi. Approvata la mobilità in deroga per quindici lavoratori della Pumex di Lipari. Lo ha deciso la Commissione regionale per l'impiego. A febbraio avevano usufruito del beneficio altri 3 dipendenti.

La Pumex, che produceva pomice per uso cosmetico ed edilizio, chiuse nell'estate del lasciando a piedi 38 dipendenti. Edoardo Tusacciu, inventore delle barrette magnetiche e del gioco Geomag, comunica al tribunale di Tempio che non ci sono le condizioni per rispettare il concordato preventivo siglato nel Tusacciu ha fatto sapere che appena possibile trasferirà in Cina idee e progetti.

E' stato proclamato per il 3 maggio lo sciopero della guardie giurate della "Veritas" di Catania , che non ricevono lo stipendio da tre mesi.

Dalle 14 si terrà un presidio davanti alla prefettura. I sindacati metalmeccanici della Sidel di Parma proclamano un giorno di sciopero per il 21 aprile dopo che l'azienda ha annunciato esuberi a seguito della delocalizzazione in Cina del reparto "asettico".

La Sidel è una multinazionale che produce impianti per l'alimentare. A pesare nella valutazione delle agenzie di rating e degli istituti di ricerca sono ancora i numeri enormi sulla cassa integrazione e il rischio che, a scadenza delle tutele sociali, molti cassintegrati restino senza occupazione.

Sul futuro prossimo incidono le scelte industriali di grandi gruppi come Telecom - che ha appena annunciato 6. Il terzo punto settimanale di Repubblica.

Sabato 17 aprile - Scade dopo un anno la cassa integrazione straordinaria per i circa lavoratori della Kme di Fornaci di Lucca ex Europametalli. In vista dell'incontro con l'azienda, il sindacato ritiene possibile attivare i contratti di solidarietà per evitare tagli al personale.

Lo afferma Vincenzo Cinquini, segretario della Fim Cisl. Scade il periodo di ferie imposto a sette dipendenti su dieci dall'istituto di vigilanza National Security di Pescara. Il sindacato Ugl chiede un incontro al prefetto e al questore per sbloccare la vertenza e avere lumi dall'azienda sul futuro dei lavoratori interessati. Sono 68 i dipendenti dei cantieri navali Baglietto di Pisa per i quali scatta dal 19 la cassa integrazione straordinaria.

La Fillea-Cgil esprime preoccupazione per il futuro dei lavoratori e per i dell'indotto e auspica che nel tempo della cigs l'azienda presenti un piano industriale "ai dipendenti, alle banche e all'indotto". E' attesa a giorni la nomina, da parte del tribunale, del liquidatore della società Emicom ex Alnuatel con stabilimento a Terni e sede a Massa Martana.

L'azienda produceva cabine e pannelli per telefonia mobile e fissa ed è in liquidazione da oltre un mese e mezzo con dipendenti in cassa integrazione. Domenica 18 aprile - L'avvocato Francesco Dimundo, commissario giudiziale della Multimedia Planet srl , controllata Phonemedia , chiede al ministero del Welfare l'attivazione rapida della cassa integrazione straordinaria per i operatori del call center di Bitritto Bari e i di quello di Trapani. La richiesta fa seguito al decreto con cui il tribunale di Vibo Valentia ha dichiarato lo stato di insolvenza della Multimedia Planet, nominando un custode giudiziario e facendo sequestrare conti e carte dell'azienda.

Il verdetto segue quelli identici pronunciati da altri tribunali d'Italia per altri call center Phonemedia rilevati dal gruppo Omega. La vertenza nazionale riguarda circa 7mila lavoratori senza stipendio dal settembre I sindacati giudicano la proposta "inaccettabile" e decidono di bloccare la produzione; il presidio ai cancelli durerà fino al 23 quando ci sarà un nuovo incontro fra le parti.

Scatta la cassa integrazione straordinaria a rotazione per i dipendenti della It Holding , gruppo del lusso finito in amministrazione straordinaria.

La gran parte dei lavoratori interessati circa dipendono dallo stabilimento Ittierre di Pettoranello del Molise Isernia ; gli altri saranno individuati nelle sedi di Firenze e Milano. Secondo quanto riferito da Gianluca Ficco, coordinatore nazionale Uil per il settore, il piano prevede investimenti per 43 milioni nei prossimi tre anni, ma anche una riduzione del personale di unità sugli attuali 1.

La Regione Friuli Venezia Giulia sollecita un incontro con Assindustria e istituzioni e con la proprietà della Leader Pumps di Trasaghis per una verifica dello stato di crisi. L'azienda, che produce pompe meccaniche, ai primi di marzo ha annunciato a sorpresa la chiusura della fabbrica friulana 67 lavoratori. Secondo i sindacati, la causa non è la mancanza di mercato, ma l'intenzione di delocalizzare in Cina. Il comitato Assemblea 29 giugno che riunisce dipendenti fs e cittadini colpiti dalla tragedia ferroviaria di Viareggio promuove un presidio alla stazione di Pisa per contestare il licenziamento, dopo 44 mesi di lavoro, di 11 apprendisti delle Ferrovie dello Stato.

L'azienda replica dicendo che non si tratta di licenziamenti, ma di contratti a scadenza non rinnovati. La Flai Cgil definisce la decisione "un fulmine a ciel sereno" e proclama uno sciopero a oltranza finché la proprietà non aprirà un tavolo di confronto. Il commissario straordinario chiede al tribunale di Reggio Emilia di ammettere ai benefici della Legge Marzano tutto il gruppo Mariella Burani fashion inclusa la controllata Antichi pellettieri.

Contestualmente viene deciso il ricorso alla cassa integrazione straordinaria a zero ore e per un anno per dipendenti. La Cnh gruppo Fiat avvia la procedura di mobilità per 60 dipendenti su dello stabilimento di San Mauro Torinese.

Il provvedimento, su base volontaria e incentivata, riguarda lavoratori che abbiano i requisiti per l'accompagnamento alla pensione. I dodici operai della cooperativa irrigua Jato di Partinico occupano le paratie della diga e minacciano di aprirle e disperdere l'acqua in assenza di risposte da parte del consorzio di bonifica Palermo 2 circa la loro promessa assunzione.

I sindacati nazionali del settore comunicazioni proclamano per il 30 aprile uno sciopero generale dei lavoratori di Teleperformance a Taranto e Roma si terranno due manifestazioni contro l'intenzione dell'azienda di licenziare circa milla dipendenti. Mobilità volontaria e contratti di solidarietà sono le strade per le quali passerà il piano di riassetto della Oerlikon Graziano di Cascine Vica, Orbassano Torino e Cento Ferrara.

E' la proposta dell'azienda metalmeccanica presentata al ministero e accolta positivamente dai sindacati. La Fiom rinvia la firma dell'intesa all'incontro del 30 aprile quando sarà chiaro il futuro dello stabilimento di Cento, a rischio di chiusura dal prossimo luglio.

Le due fabbriche in provincia di Torino occupano 1. Istituzioni e sindacati riferiscono che la proprietà non ha alcuna intenzione di rivedere o rinviare il piano che prevede la messa in mobilità di dipendenti su circa La Bialetti conferma l'intenzione di chiudere la fabbrica di Crusinallo di Omegna dove si produce la Moka Express e dove lavorano persone.

La comunicazione è stata data al presidente della Provincia ed al sindaco di Omegna. Un nuovo incontro si terrà il 28 aprile al ministero.

Il tribunale fallimentare di Roma respinge la richiesta di concordato preventivo presentata dal gruppo Omega per l' Agile-ex Eutelia. Il provvedimento apre la strada al commissariamento dell'azienda, come auspicato dai circa duemila dipendenti senza stipendio da sette mesi e in gran parte senza alcun ammortizzatore sociale.

Nulla di fatto dall'incontro al ministero sul futuro della Basell di Terni. L'azienda intende interrompere la produzione il 30 giugno, poi attivare la cassa integrazione per 12 mesi per i dipendenti e avviare lo smantellamento degli impianti.

Basell dice no anche alla vendita dello stabilimento che consentirebbe di salvare la produzione del polipropilene, necessario per altre aziende del polo chimico ternano come la Treofan e Meraklon. Secondo i sindacati, tra diretto e indotto, l'addio della Basell porterebbe alla perdita di circa mille posti di lavoro.

In base all'accordo, i lavoratori su messi in mobilità potrebbero invece usufruire di tre anni di cassa integrazione straordinaria con un percorso di accompagnamento alla pensione per 91 lavoratori, il trasferimento da Reggio a Lentigione di Brescello per 38 lavoratori e la mobilità incentivata per i 38 dichiarati "esuberi strutturali"; le fabbriche emiliane eviterebbero la chiusura; la Terex si impegna inoltre a investire circa 4 milioni sui siti reggiani.

I 30 dipendenti della impresa Industria ricostruzione pneumatici Irp di Cagliari , da circa due anni in attesa del pagamento degli stipendi arretrati e dei Tfr, organizzano un presidio davanti al tribunale per sollecitare una decisione sul caso dell'azienda alla quale il giudice aveva intimato a settembre di formalizzare la proposta di concordato preventivo.

All'incontro a Roma con i sindacati nazionali metalmeccanici, la Alenia Aeronautica comunica la chiusura in tempi brevi del sito di Brindisi e il rimensionamento di quello di Venezia. Per Brindisi si prevede la messa in cigs per due anni e mobilità verso la pensione per 25 lavoratori; altri 49 saranno ricollocati nel sito di Grottaglie.

Per Venezia, l'azienda intende far ricorso alla cassa integrazione a zero ore, a partire dal 3 maggio, per un massimo di impiegati e operai al lordo degli assorbimenti Agustawestland e Superjet.

Conferma inoltre la cifra di esuberi a fine anno. I sindacati giudicano le risposte dell'azienda "inaccettabili". Bozza di accordo sul futuro della Smith International di Scurelle Trento , multinazionale texana che produce punte diamantate per perforazioni in campo petrolifero. Gli esuberi diventano 20 rispetto ai 70 ipotizzati all'inizio della cigs e inoltre si fa ricorso ai contratti di solidarietà.

L'accordo, secondo i sindacati, consentirebbe di salvare l'occupazione per 90 addetti su La sigla dell'intesa è condizionata al consenso dei lavoratori. Presidio dei lavoratori davanti allo stabilimento della Fini pasta fresca e tortellini di Modena dopo le voci su un imminente cambio dell'assetto societario che metterebbe in minoranza il gruppo Fini.

I lavoratori temono che questo passo porti al licenziamento dei 40 dipendenti in cassa integrazione da quasi un anno. Spiraglio per i dipendenti della Novaceta di Magenta , specializzata nella produzione di acetato di cellulosa e a rischio di chiusura in cigs diventata cassa in deroga da aprile. Dall'incontro tra le parti ha preso consistenza l'ipotesi che l'azienda possa essere rilevata da un nuovo imprenditore il nome è atteso per il 30 maggio che garantirebbe l'occupazione a dipendenti per quattro anni, mentre una quarantina sarebbero avviati al pensionamento.

La Cub chiede impegni scritti e un vertice al ministero. Intesa alla Sitma di Spilamberto Modena che produce macchine di alta gamma per l'editoria. In scadenza della cig per crisi di mercato, azienda e sindacati si accordano per l'attivazione dei contratti di solidarietà per tutti i dipendenti dal 26 aprile e per 12 mesi. L'azienda si impegna ad anticipare la quota di solidarietà dovuta dall'Inps.

Dopo l'incontro al ministero, i sindacati firmano l'intesa per la cassa integrazione straordinaria per 24 mesi per i circa dipendenti donne dell' Omsa di Faenza. La Golden lady company aveva annunciato a gennaio la chiusura dello storico calzificio faentino con l'intenzione di procedere direttamente con la mobilità e, secondo i sindacati, delocalizzare la produzione in Serbia. L'azienda produce fanali per auto e il sindacato chiede l'impegno della Fiat, unico cliente dell'Ages, per evitare che dall'attuale commissariamento si passi alla chiusura.

La cassa straordinaria per i lavoratori scade il prossimo 6 maggio. Circa lavoratori precari legati all' Ilva di Taranto manifestano davanti allo stabilimento per chiedere la stabilizzazione del loro posto.

Si tratta di lavoratori interinali, ancora in attività, e di ex dipendenti con contratto a termine, al momento disoccupati. L'azienda propone l'assunzione di coloro che sono stati già impiegati per 24 mesi, rimandando ogni decisione sugli altri precari.

I lavoratori del gruppo creditizio Delta promuovono una manifestazione a Bologna in occasione del primo incontro tra i commissari di Bankitalia e le delegazioni sindacali. A oggi la prospettiva per i lavoratori, concentrati in Emilia Romagna , è un'imminente liquidazione del gruppo, con la perdita di posti di lavoro su circa Per questo i sindacati chiedono anche un decreto ministeriale che attivi un "fondo emergenziale del credito" visto che il settore non beneficia di ammortizzatori sociali.

La Sidel assicurà che non lascerà Parma. Il sito emiliano anzi diventerà un "centro di eccellenza del gruppo" e su di esso nel saranno investiti altri 20 milioni di euro per ricerca e sviluppo. ROMA - "Tutti gli indicatori ci dicono che la crisi è terminata.

Ora il compito che ci attende è quello di tornare ai livelli del e per fare questo ci vuole tempo. La sfida è accelerare la ripresa per tornare ai livelli a cui eravamo". Lo diceva il 26 aprile il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola. E' una situazione grave che richiede risposte serie".

Il bicchiere del ministro è mezzo pieno perché tiene conto dei segnali di ripresa del mercato e dell'umore conseguente delle imprese; quello del sindacalista è mezzo vuoto perché considera le difficoltà attuali dei lavoratori moltiplicate per il "tempo necessario per tornare ai livelli del ". In many situations, austerity programs are imposed on countries that were previously under dictatorial regimes , leading to criticism that populations are forced to repay the debts of their oppressors.

Indeed, the IMF has already performed a complete audit of the whole US financial system , something which they have only previously done to broke third world nations.

Economist Marc Faber calls the U. Indeed, we no longer have a free market economy … we have fascism, communist style socialism , kleptocracy , oligarchy or banana republic style corruption. The big banks went bust, and so did the debtors. But the government chose to save the big banks instead of the little guy , thus allowing the banks to continue to try to wring every penny of debt out of debtors.

And the bailouts are now perpetual. The bailout money is just going to line the pockets of the wealthy, instead of helping to stabilize the economy or even the companies receiving the bailouts:. And so did a huge portion of the money from quantitative easing. A study of banking crises by the International Monetary Fund found that propping up banks which are only pretending to be solvent often leads to austerity:.

Existing empirical research has shown that providing assistance to banks and their borrowers can be counterproductive, resulting in increased losses to banks, which often abuse forbearance to take unproductive risks at government expense. The typical result of forbearance is a deeper hole in the net worth of banks, crippling tax burdens to finance bank bailouts, and even more severe credit supply contraction and economic decline than would have occurred in the absence of forbearance.

All too often, central banks privilege stability over cost in the heat of the containment phase: Also, closure of a nonviable bank is often delayed for too long, even when there are clear signs of insolvency Lindgren, Numerous top economists say that the bank bailouts are the largest robbery and redistribution of wealth in history. Why was this illegal? Well, the top white collar fraud expert in the country says that the Bush and Obama administrations broke the law by failing to break up insolvent banks … instead of propping them up by bailing them out.

And the Special Inspector General of the Tarp bailout program said that the Treasury Secretary lied to Congress regarding some fundamental aspects of Tarp — like pretending that the banks were healthy, when they were totally insolvent. The Secretary also falsely told Congress that the bailouts would be used to dispose of toxic assets … but then used the money for something else entirely.

Making false statements to a federal official is illegal, pursuant to 18 United States Code Section A strong rule of law is essential for a prosperous and stable economy , yet the government made it official policy not to prosecute fraud , even though criminal fraud is the main business model adopted by the giant banks.

The perpetrators of the biggest financial crime in world history , the largest insider trading scandal of all time , illegal raiding of customer accounts and blatant financing of drug cartels and terrorists have all gotten away scot-free without any jail time.

There are two systems of justice in America … one for the big banks and other fatcats, and one for everyone else. While Iceland prosecuted its top criminal bankers , and thus quickly got through its financial problems and now has a vibrant economy, the American government has done everything it can to cover up fraud , and has been actively encouraging criminal fraud and attacking those trying to blow the whistle. The rule of law is now as weak in the U.

See this , this , this , this , this , this , this , this , this , this and this. This is a sudden change. As famed Peruvian economist Hernando de Soto notes:.

In a few short decades the West undercut years of legal reforms that made the global economy possible. They have become so corrupt that regulators are literally sleeping with industry prostitutes … while they pimp out the American people. The corruption of government officials is staggering , and the system of government-sponsored rating agencies had at its core a model of bribery.

Government folks are using laws to crush dissent. I tuoi diritti di consumatore restano validi. Informazioni sul venditore le-club-mecanique Se la pagina non viene aggiornata immediatamente, ricomincia a fare la proposta.

Aggiungi a Oggetti che osservi Osservato. L'elenco degli oggetti che osservi è pieno. Nessuna spesa di importazione aggiuntiva alla consegna. Questo oggetto verrà spedito tramite il Programma di spedizione internazionale e include il codice della spedizione internazionale. Learn more - opens in a new window or tab. Stimata tra il gio. Luogo in cui si trova l'oggetto:. L'importo è soggetto a modifica fino al momento del pagamento. Per ulteriori informazioni, vedi i termini e le condizioni del Programma di spedizione internazionale - si apre in una nuova finestra o scheda Questo importo include i costi applicabili per spese doganali, tasse, intermediazioni e altre tariffe.

Per ulteriori informazioni, vedi i termini e le condizioni del Programma di spedizione internazionale - si apre in una nuova finestra o scheda. I tempi di consegna potrebbero variare, specialmente durante le festività. Carte di credito elaborate da PayPal. Le spese di spedizione internazionale e di importazione vengono pagate a Pitney Bowes Inc.

Ulteriori informazioni - si apre in una nuova finestra o scheda Le spese di spedizione internazionale e di importazione vengono pagate a Pitney Bowes Inc. Ulteriori informazioni - si apre in una nuova finestra o scheda Eventuali spese di spedizione internazionale e di importazione vengono pagate in parte a Pitney Bowes Inc.

Ulteriori informazioni - si apre in una nuova finestra o scheda Le spese di spedizione internazionale vengono pagate a Pitney Bowes Inc. Ulteriori informazioni - si apre in una nuova finestra o scheda Eventuali spese di spedizione internazionale vengono pagate in parte a Pitney Bowes Inc. Ulteriori informazioni - si apre in una nuova finestra o scheda. Segnala l'inserzione - viene aperta una nuova finestra o scheda.

Descrizione Spedizione e pagamenti. Questo strumento di traduzione è solo per tua comodità. Non garantiamo l'accuratezza della traduzione. Il venditore si assume la piena responsabilità della messa in vendita dell'oggetto. Oggetto nuovo, non usato, non aperto, non danneggiato, nella confezione originale ove la confezione sia prevista.

Per ulteriori dettagli vedi l'inserzione. Vedi tutte le definizioni delle condizioni la pagina si apre in una nuova finestra o scheda Maggiori informazioni sulla condizione.

Visita il mio Negozio eBay. Informazioni sul venditore professionale. Clicca qui per ulteriori dettagli sulle Restituzioni. Per le transazioni idonee, sei coperto dal programma Garanzia cliente eBay se ricevi un oggetto non conforme alla descrizione. Questo oggetto viene spedito in Francia , ma il venditore non ha specificato le opzioni di spedizione. Contatta il venditore - si apre in una nuova finestra o scheda e chiedi il servizio di spedizione per il tuo indirizzo.

Impossibile calcolare le spese di spedizione. Inserisci un CAP valido. Sono presenti 1 oggetti disponibili. Inserisci un numero inferiore o uguale a 1. Seleziona un Paese valido. I tempi di consegna possono variare, specialmente durante le festività.

Dettagli per il pagamento. Termini di pagamento del venditore Au Club Mécanique, nous savons que vos envois sont urgents, aussi nous expédions généralement en 24H après votre paiement Paypal, et 48H après réception de votre cheque ou virement.

The more we can recognize the struggles of others, the more we can recognize our common humanity, the more we can come up with common solutions -- an approach that is badly lacking in America's political system today. This week, the Crossroads Foundation, a non-profit based in Hong Kong, will be returning to Davos with its "Struggle for Survival," a sort of empathy-building boot camp that aims to put the participants in the place of those who are struggling for survival in the real world.

It's an experience that organizers say "deepens insights into challenges such as the battle for education, shelter, medical care, food, and the choices that face those who live with this reality. Another cause for optimism here in Davos is the World Economic Forum's program for nurturing the next generation of leaders.

Because if we're truly going to build up the resilience necessary to face a new century of unprecedented challenges, we're going to need new and unprecedented ways of seeing the world. And that's most likely to come from those who aren't mired in old ways of thinking that are no longer adequate for today's challenges.

Sometimes long experience is valuable. But sometimes it means being limited to offering old solutions for new problems. The Global Shapers , as this WEF's program is called, is a worldwide "network of Hubs developed and led by young people who are exceptional in their potential, their achievement and their drive to make a contribution to their communities. These Global Shapers are of a generation that grew up in a world of connectedness where the drive for empathy is an everyday part of their lives.

And we're going to need them. But if we're really going to build resilience across the globe -- as with our bodies -- we're going to have to provide our economies the fuel needed to grow. Diets, done right, are fine, but not eating at all isn't a diet, it's a hunger strike.

When starved, our system starts to break down and eat itself -- a phenomenon not unfamiliar to an observer of the European political and economic landscape of the last few years. So any attempt at building resilience is going to have to start with a recognition of the consequences of starving the patient. As with empathy, what we need is expansion, not contraction.

As Rodin writes, "Building resilience is not a luxury, it's a 21st century imperative. Source de cette première information: Ce jour-là, un certain H. Pas le moins du monde en exécrant les Anglais. Et il le paie.

Ue settimane più tardi - che è un testamento alla sua pluralità bella - chiamare il Journal, 15 settembre , a Louise Drynan che, dice, sta "un'altra prospettiva", che di "un Genevese che, per oltre cinquanta anni, ha vissuto in India, con l'amore nel cuore del paese e della sua gente.

E 'particolarmente messo in guardia contro la mondanità di credere che Gandhi, anche se "nobile figura" sempre ottenuto i risultati che si aspettava non-violenza. Fede, verità, la semplicità e l'ascetismo non sono sempre leve effettive del discorso politico. Foi, vérité, simplicité et ascétisme ne sont pas toujours des leviers de commande efficaces du discours politique.

Il faudra d'ailleurs encore un quart de siècle pour que l'Inde accède à l'indépendance, en partie grâce à celui qui est aujourd'hui considéré comme le Père de la Nation.

Grâce, surtout, à son ahimsa — la fameuse non-violence défendue lors de ce procès de — au prix d'une partition religieuse avec le Pakistan, mais aussi de sacrifices et de grèves renouvelés durant de longs mois pour expulser les Occidentaux. A peine six mois après, le Mahatma est assassiné par un brahmane fanatique. The White House has affirmed the logic of the moment, that the only thing worth discussing is how best to confront the deficit.

When I asked Sperling about this, he said nothing to disabuse me of this view. Deficit reduction "is a means and component of a strategy to have a growing economy that fits our values of having a strong middle class," Sperling said. The deal passed mostly on the back of House Republicans, with votes for the deal and against it. Among the Republicans, supported the bill.

House Democrats were furious, with some members calling the bill a "Satan sandwich" and most of the Congressional Progressive Caucus vowing to vote against it. In the end, however, 95 Democrats voted to support the bill, including Rep. By approving the bill, which should easily pass the Senate on Tuesday, the House allowed the government to avoid a historic default on the nation's loans.

But first, it had to anger plenty of progressives on the left and Tea Partiers on the right, both of whom opposed the deal. Leadership on both sides insisted that though the deal was not perfect, it made the best of a difficult situation.

With the House led by Republicans and the Senate and White House led by Democrats, Congress was gridlocked for months over how to raise the debt ceiling, with congressional Republicans walking away from the negotiating table multiple times. Conservative members of the House GOP conference revolted against a debt ceiling plan presented by Boehner last week, forcing him to revise the bill's provision on the balanced budget amendment at the last minute to win more votes.

The final deal includes a requirement to vote on the balanced budget amendment, making it more like the original Boehner bill. But he insisted to his members that it brought them closer to passage of the amendment than ever before. House Republican leaders also said the bill was a "big win" because it does not include revenue-increasing measures, such as tax hikes for the wealthy or closing loopholes for corporations.

Democrats, meanwhile, worried the bill was going too far by cutting spending and putting economic recovery at risk. Hours ahead of the vote, scores of Democrats left a caucus meeting fuming about the deal not reflecting any of their priorities, namely preserving entitlement programs and closing corporate tax loopholes. Engel questioned why any Democrats should vote for a deal that could ultimately "decimate Medicare" and that hands big wins to Republicans while "taking for granted" Democratic votes.

The bill will establish a "super Congress" that will be tasked with finding savings from entitlement programs, risking major, filibuster-proof changes to those programs.

I'm glad we avoided default," said the New York Democrat. Asked what she thinks of the deal, Del. Eleanor Holmes Norton D-D. At the same time, Democrats said they struggled with wanting to support Obama's efforts. By and large, Democrats headed into the vote ready for Boehner to take responsibility for securing votes since the bill was largely driven by extremist lawmakers in his party.

Asked if she though the House had the votes, Pelosi told reporters, "You'll have to ask the Speaker. He's in the majority. Still, some members of the caucus remained adamantly opposed even after Biden's visit. Saturday, 25 February It was a typically wonkish, liberal revelation: One based on statistics and data. Only this time, the data were showing, rather awkwardly, that people ignore data and evidence—and often, knowledge and education only make the problem worse.

Someone had sent me a Pew report documenting the intense partisan divide in the U. Humans, since the industrial revolution, have been burning more and more fossil fuels to power their societies, and this has led to a steady accumulation of greenhouse gases, and especially carbon dioxide, in the atmosphere.

Since about , scientists have not only confirmed that this warming is taking place, but have also grown confident that it has, like the gun in a murder mystery, our fingerprint on it. The only reasonable verdict is that humans did it, in the atmosphere, with their cars and their smokestacks.

Such is what is known to science--what is true no matter what Rick Santorum might say. Despite a growing scientific consensus about global warming, as of Democrats and Republicans had cleaved over the facts stated above, like a divorcing couple. On the contrary, better-educated Republicans were more skeptical of modern climate science than their less educated brethren. Only 19 percent of college-educated Republicans agreed that the planet is warming due to human actions, versus 31 percent of non-college-educated Republicans.

For Democrats and Independents, the opposite was the case. More education correlated with being more accepting of climate science—among Democrats, dramatically so. The difference in acceptance between more and less educated Democrats was 23 percentage points. The fact that politically sophisticated or knowledgeable people are often more biased, and less persuadable, than the ignorant. We liberals and progressives are absolutely outraged by partisan misinformation. Tea Party members appear to be the worst of all.

I n a recent survey by Yale Project on Climate Change Communication, they rejected the science of global warming even more strongly than average Republicans did. For instance, considerably more Tea Party members than Republicans incorrectly thought there was a lot of scientific disagreement about global warming 69 percent to 56 percent.

It also emerges on nonscientific but factually contested issues, like the claim that President Obama is a Muslim. Belief in this falsehood actually increased more among better-educated Republicans from to than it did among less-educated Republicans, according to research by George Washington University political scientist John Sides. The idealistic, liberal, Enlightenment notion that knowledge will save us, or unite us, was even put to a scientific test last year—and it failed badly.

Yale researcher Dan Kahan and his colleagues set out to study the relationship between political views, scientific knowledge or reasoning abilities, and opinions on contested scientific issues like global warming. In their study, more than 1, randomly selected Americans were asked about their political worldviews and their opinions about how dangerous global warming and nuclear power are.

They were also asked standard questions to determine their degree of scientific literacy e. The result was stunning and alarming. The standard view that knowing more science, or being better at mathematical reasoning, ought to make you more accepting of mainstream climate science simply crashed and burned.

Instead, here was the result. If you were already part of a cultural group predisposed to distrust climate science—e. The result was that, overall, more scientific literacy and mathematical ability led to greater political polarization over climate change—which, of course, is precisely what we see in the polls.

So much for education serving as an antidote to politically biased reasoning. For one thing, well-informed or well-educated conservatives probably consume more conservative news and opinion, such as by watching Fox News. If challenged, they can then recall and reiterate these arguments. What this suggests, critically, is that sophisticated conservatives may be very different from unsophisticated or less-informed ones. Paradoxically, we would expect less informed conservatives to be easier to persuade, and more responsive to new and challenging information.

In fact, there is even research suggesting that the most rigid and inflexible breed of conservatives—so-called authoritarians—do not really become their ideological selves until they actually learn something about politics first. So now the big question: But there are also reason to think that, with liberals, there is something else going on.

Nuclear power is a classic test case for liberal biases—kind of the flipside of the global warming issue--for the following reason. But this impulse puts them at odds with the views of the scientific community on the matter scientists tend to think nuclear power risks are overblown, especially in light of the dangers of other energy sources, like coal.

Rather, they moved in the opposite direction from where these initial impulses would have taken them. They become less worried—and, I might add, closer to the opinion of the scientific community on the matter.

It looks a lot more like open-mindedness. First, these findings are just one small slice an emerging body of science on liberal and conservative psychological differences, which I discuss in detail in my forthcoming book.

In fact, recent evidence suggests that wanting to explore the world and try new things, as opposed to viewing the world as threatening, may subtly push people towards liberal ideologies and vice versa. Politically and strategically, meanwhile, the evidence presented here leaves liberals and progressives in a rather awkward situation.

Nevertheless, this knowledge ought to be welcomed, for it offers a learning opportunity and, frankly, a better way of understanding politics and our opponents alike.

For instance, it can help us see through the scientific-sounding arguments of someone like Rick Santorum, who has been talking a lot about climate science lately—if only in order to bash it. And he is obviously intelligent and capable—but not, apparently, able to see past his ideological biases.

Viewing all this as an ideologically defensive maneuver not only explains a lot, it helps us realize that refuting Santorum probably serves little purpose. A more scientific understanding of persuasion, then, should not be seen as threatening. Indeed, if we believe in evidence then we should also welcome the evidence showing its limited power to persuade--especially in politicized areas where deep emotions are involved. Before you start off your next argument with a fact, then, first think about what the facts say about that strategy.

This means that education matters, and the type of education offered matters. It also offers some relief to people such as myself, whose procreative efforts are strictly at replacement level. Thus there are people who end up in either of the two political slots offered in the US who fit both models. I think that the ideology of our political parties make some sense looking at their historical roots, but in modern terms are somewhat arbitrary.

At the extremes, there are some leftists who are incredibly rigid thinkers, who believe that everyone should think as they do, or else. I do believe, however that it highlights the unfortunate fact that for humans, grasp of civilization is tenuous.

This means that without continuous nurturing, without serious efforts at building and maintaining the key elements of civilized society, humans are eminently capable of backsliding.

I think that having a deeper understanding of human cognitive processing. Over the last year here at DeSmogBlog , my writings have converged around a set of common themes. The book is now finished in draft form—due out next year with Wiley—and it is long past time to formally announce its existence. I can also share the text that will soon go up to Amazon and elsewhere. From climate change to evolution, the rejection of mainstream science among Republicans is growing, as is the denial of expert consensus on the economy, American history, foreign policy and much more.

I know very well that this invites controversy, so let me say even though I expect many conservatives will ignore it! The implications of this argument about liberalism, conservatism, and the facts are vast. Meanwhile, cases of liberals or moderates attacking their own allies and making really weak arguments—e.

Meanwhile, if you want to know more, the always awesome David Roberts has recently written two perceptive columns with a very similar theme.

See here and here. And Andrea Kuszewski has covered the cognitive neuroscience of liberalism and conservatism in a very smart piece here. It's not just his giant income or the low tax rates he pays on it. And it's not just the videotape of him berating almost half of America, or his endless gaffes, or his regressive budget policies. It's something that unites all of this, and connects it to the biggest underlying problem America faces -- the unprecedented concentration of wealth and power at the very top that's undermining our economy and destroying our democracy.

He released his return in January, showing he paid an effective tax rate of American has had hugely wealthy presidents before -- think of Teddy Roosevelt and his distant cousin, Franklin D. Roosevelt; or John F. Kennedy, beneficiary of father Joe's fortune. But here's the difference.

These men were champions of the working class and the poor, and were considered traitors to their own class. Teddy Roosevelt railed against the "malefactors of great wealth," and he busted up the oil and railroad trusts. FDR thundered against the "economic royalists," raised taxes on the wealthy, and gave average working people the right to form unions -- along with Social Security, unemployment insurance, a minimum wage, and a hour workweek.

But Mitt Romney is not a traitor to his class. He is a sponsor of his class. And he wants to cut benefits that almost everyone else relies on -- Medicare, Medicaid, Social Security,. He's even a warrior for his class, telling his wealthy followers his job isn't to worry about the "47 percent" of Americans who won't vote for him, whom he calls "victims" and he berates for not paying federal incomes taxes and taking federal handouts.

He mangles these facts, of course. Moreover, most of the "47 percent" whom he accuses of taking handouts are on Medicare or Social Security -- the biggest "entitlement" programs -- which, not incidentally, they paid into during their working lives. Concentrated wealth at the top means extraordinary power at the top.

And that loophole exists solely because private equity and hedge fund managers have so much political clout -- as a result of their huge fortunes and the money they've donated to political candidates -- that neither party will remove it.

In other words, everything America is learning about Mitt Romney -- his tax returns, his years at Bain Capital, the video of his speech to high-end donors in which he belittles half of America, his gaffes, the budget policies he promotes -- repeat and reenforce the same underlying reality. So much wealth and power have accumulated at the top of America that our economy and our democracy are seriously threatened. Romney not only represents this problem.

He is the living embodiment of it. Time Magazine named him one of the ten most effective cabinet secretaries of the last century. He has written thirteen books, including the best sellers "Aftershock" and "The Work of Nations. He is also a founding editor of the American Prospect magazine and chairman of Common Cause. Follow Robert Reich on Twitter: La globalizzazione, la libertà di movimento dei capitali, i portafogli delle banche gonfie di titoli d'incerta solvibilità, la contrazione dell'economia reale che rischia di trasformarsi in una recessione vera e propria, coinvolgono l'intera struttura monetaria, bancaria e produttiva dell'Occidente ma anche dei cosiddetti Paesi emergenti.

Non esistono più compartimenti-stagno. Qualche settimana fa usammo l'immagine delle "matrioske", una dentro l'altra raccolte in un unico contenitore. E anche l'immagine dei vasi comunicanti soggetti in ogni loro livello alla stessa pressione atmosferica. Queste due immagini configurano l'intreccio esistente nell'economia mondiale e spiegano perché la crisi attuale non è come quella del '29 ma molto peggiore. Gli Stati Uniti cercano d'uscire dal pantano adottando una politica espansiva. La risposta europea è stata finora l'opposto di quella di Obama: Questa disparità tra le due maggiori economie occidentali non facilita l'uscita dal pantano della stagnazione, tanto più che l'espansionismo di Obama è frenato dal Congresso e dall'imminenza delle elezioni presidenziali.

Non staremo dunque a ripeterci se non per constatare che essa non è autosufficiente. E' bastato che il rappresentante tedesco Juergen Stark si dimettesse dalla Banca centrale europea per dissensi sulle operazioni d'intervento a sostegno dei titoli italiani, a provocare l'ennesimo crollo a piazza degli Affari e l'ennesima impennata dello "spread" rispetto ai "Bund" tedeschi. La manovra voluta dalla stessa Bce e dalle autorità europee dunque non basta.

La Bce aveva raccomandato rigore e crescita, è vero. Ma le misure destinate al rigore le aveva dettagliate e sono state infatti inserite nel decreto, mentre quelle destinate a rilanciare la crescita le aveva soltanto auspicate e genericamente indicate: Nessuna di quelle riforme è stata presentata se non si vuole prender sul serio come terapia la riscrittura dell'articolo 41 della Costituzione che comunque diventerà legge non prima di un anno e le cui capacità terapeutiche sono una grottesca patacca.

Solo ieri, dopo le dimissioni di Stark e il crollo dei mercati europei e americani, i veri autori della manovra si sono resi conto che il rigore senza crescita non solo non basta ma è addirittura controproducente: In medicina si chiama pancreatite una malattia molto spesso mortale: Il "gabinetto di guerra" che etero-dirige un governo e un Parlamento inesistenti premerà nelle prossime ore affinché la manovra, con una sua sesta versione, contenga anche elementi di rilancio.

Sicuramente sono utili se configurassero una società veramente liberale, con più mercato, disciplinato da regole e controlli che impediscano lo scivolamento verso oligopoli e rendite di posizione. Pensare che sia questa la riforma capace di rovesciare il "trend" depressivo che ci minaccia significa pensare di giocar con le stelle mentre qui ed ora dobbiamo usare la leva del fisco, la sola che possa produrre risultati rapidi e concreti.

La leva del fisco, se si vogliono realizzare risultati tangibili sull'evoluzione del Pil e quindi rilancio sia dei consumi sia degli investimenti, deve puntare su un alleggerimento delle imposte sui redditi medi fino ad un livello di mila euro annui lordi e un contemporaneo analogo sgravio delle imposte che, insieme ai contributi previdenziali, determinano il cuneo fiscale che grava sulle imprese e sulle retribuzioni.

Ci vuole inoltre un intervento che acceleri il pareggio del deficit e il saldo attivo delle partite correnti. Evidentemente no, i saldi del rigore vanno tutelati. Allora come, se non ricorrendo ad una qualche forma d'imposta sul patrimonio? Meglio se ordinaria e non "una tantum"? Non si tratta di un atto conforme alla politica del governo tedesco, ma dell'impennata dei "falchi" della Bundesbank che giocano d'anticipo contro eventuali svolte della Merkel in vista d'una nuova "grossa coalizione" con i verdi e con la socialdemocrazia.

I "falchi" della Bundesbank sono da sempre contrari ad un'evoluzione dell'Europa verso un vero governo federale e verso un bilancio europeo che si faccia carico della politica fiscale comune. Le dimissioni di Stark fanno parte di questo scontro all'interno della politica tedesca, tantoché la persona già designata a sostituirlo ha caratteristiche decisamente opposte a quelle del dimissionario.

Se quelle dimissioni hanno provocato una tempesta sui mercati che aveva come oggetto principale la nostra manovra economica, quell'effetto è la prova provata di quanto abbiamo fin qui scritto sulla drammatica incompletezza della nostra politica economica dal lato della crescita.

Questo spiega anche le parole durissime della Marcegaglia che per la prima volta ha reclamato non soltanto una manovra definitivamente efficace, ma le dimissioni dell'attuale governo. Se non ci sarà al più presto questa soluzione, avremo il marasma e lo sfascio. Tenere ancora in piedi un morto che cammina è la cosa peggiore che ci possa accadere. L'economia mondiale deve fare i conti con la "minaccia di una spirale negativa". Una manifestazione della Cgil a Bologna contro la manovra finanziaria.

ROMA - Cento e 87 tavoli di crisi ancora aperti al ministero dello Sviluppo economico, mila lavoratori il cui futuro occupazionale è in bilico anche da due anni e poi mila dipendenti in cassa integrazione, mila dei quali in cassa straordinaria e in deroga. Sono i numeri che la Cgil ricorda nel rilanciare le ragioni dello sciopero generale del 6 settembre. In gravi difficoltà, sottolinea la Cgil sono i macro settori produttivi, come testimoniano le numerose vertenze legate alla chimica, all'itc information and communications technology , ma anche al settore farmaceutico, navalmeccanico, degli elettrodomestici, della ceramica, del mobile imbottito e dei trasporti.

Ecco le 20 vertenze simbolo ricordate oggi dalla Cgil. Agile-Eutelia - Coinvolge 1. I sindacati rivendicano urgentemente la presentazione dei bandi relativi alla vendita dell'azienda. Risulta ancora mancante l'atto di indirizzo del ministero, mentre c'è una manifestazione di interesse da parte del manager. Alenia - Il futuro del gruppo, a crisi non formalizzata la situazione, preoccupa soprattutto per l'impatto che avrebbe nel Mezzogiorno Campania e Puglia su tutte dove Alenia aeronautica impiega quasi 12mila lavoratori, 5mila dei quali concentrati in Campaniaa, mentre l'indotto ne occupa circa il doppio.

Atitech - Sindacati e lavoratori denunciano un inesorabile declino dello stabilimento di Capodichino di Napoli che si occupa di manutenzione aeronautica. Il calo progressivo delle commesse provoca un ricorso sempre più massiccio alla cassa integrazione straordinaria per i circa lavoratori impiegati.

Basell - Punto focale della crisi della chimica in Umbria, la multinazionale Lyondell Basell ha aperto da oltre un anno una crisi che mette a rischio il lavoro di operai in cassa integrazione e ormai prossimi al licenziamento.

Centinaia poi i posti che gravitano nell'indotto. Si susseguono le proteste e i blocchi negli stabilimenti ternani per scongiurare la dismissione degli impianti. Eaton - La fabbrica di Massa è occupata dal 6 ottobre , da quando cioè la multinazionale Eaton ha deciso di chiudere uno stabilimento che impiegava oltre operai nella produzione di componentistica per l'industria dell'auto.

Al momento nessuna soluzione in vista. Eurallumina - Allo stabilimento Eurallumina di Portovesme, in stand by da oltre due anni, sono ancora gli operai parcheggiati in cassa integrazione mentre se ne contano appena 35 in attività e a rotazione. Gruppo Fiat - Termini Imerese chiuderà le produzioni il 31 dicembre.

Intanto, dopo la chiusura della fabbrica Cnh di Imola, avvenuta il primo giugno scorso, il Lingotto ha annunciato la cessione dello stabilimento Irisbus di Flumeri, in provincia di Avellino, al gruppo imprenditoriale molisano Di Risio. Circa dipendenti più l'indotto sono contrari alla cessione. Lo stabilimento Irisbus dipende da Fiat Industrial ed ha prodotto finora autobus per trasporto pubblico. Fincantieri - E' stato ritirato il piano industriale che prevedeva 2.

Ideal standard - La crisi di punta del distretto della ceramica di Civita Castellana, nel Lazio, che conta oltre 3. Di questi in circa sono in capo alla Ideal Standard. Magona - A settembre parte la mobilità nello stabilimento Magona di Piombino che fa capo al gruppo Arcelormittal. L'azienda, specializzata nella produzione di acciai speciali, occupa tra diretti e indiretti circa lavoratori.

La scelta sarà su base volontaria almeno a settembre, per poi passare a ottobre a una fase di uscita incentivata sempre volontaria. Gruppo Antonio Merloni - I commissari straordinari dell'azienda avrebbero restituito la caparra di 2 milioni all'azienda iraniana Mmd, che avrebbe dovuto rilevare gli stabilimenti. I lavoratori coinvolti sono 2. Sarebbero in corso contatti con altri imprenditori, ma non ci sono certezze nell'immediato. Omsa - Sono in corso le verifiche sul riutilizzo dello stabilimento Omsa di Faenza e per la salvaguardia dell'occupazione.

La scelta della capogruppo di spostare la produzione in Serbia lascia in bilico le operaie del sito di Faenza e le circa della Golden Lady di Gissi, in Abruzzo. Pfizer - Si trascina senza soluzione in vista la vicenda del centro di ricerca farmaceutica Pfizer di Catania. Il sito del capoluogo etneo dell'azienda è in stato di agitazione dall'apertura della procedura di mobilità per lavoratori dello stabilimento.

Phonemedia - Un caso drammatico di crisi irrisolta. L'ex Phonemedia, fino a tre anni fa colosso dei call center con 12 sedi sparse in tutta Italia, ha lasciato senza lavoro circa 5. Porto Gioia Tauro - Dopo tre giorni di sciopero che hanno bloccato l'attività nello scalo, è passato il referendum sull'intesa siglata da sindacati e il terminalista Mct sulla cassa integrazione nel porto di Gioia Tauro.

L'ipotesi di accordo prevede il ritiro dei esuberi su 1. Severstal-Lucchini - C'è stato un accordo con le banche per l'avvio di un processo di ristrutturazione del debito da milioni di euro delle acciaierie Lucchini. Ora va sondato il terreno per l'ingresso di nuovi acquirenti nell'azienda che vanta in Italia cinque stabilimenti Piombino, Bari, Lecco, Trieste e Candove nel Torinese.

Al momento dei 2. Ad agosto nel sito di Piombino sono stati in cassa integrazione ordinaria 1. Sirti - Il gruppo specializzato nel settore della telefonia, impianti, apparecchi e reti, occupa circa 4. Thyssenkrupp - La multinazionale dell'acciaio ha confermato l'intenzione di procedere allo scorporo dell'area inox, ma non sono ancora chiari tempi e modalità.

La decisione avrebbe effetti diretti sullo stabilimento di Terni e sulle prospettive occupazionali dei suoi circa 3. Videocon - L'azienda di Anagni, produttrice di televisori, si avvia ormai verso il fallimento con 1. Al tavolo aperto presso il Mise si è deciso infatti nei giorni scorsi di abbandonare il percorso per la certificazione del debito dell'azienda, procedendo verso il concordato preventivo e la probabile apertura di una procedura fallimentare.

Vinyls - Sembra definitivamente tramontata l'ipotesi di una vendita in blocco dei tre stabilimenti Porto Marghera, Ravenna e Porto Torres a favore di uno 'spezzatino'.

Per Ravenna l'ipotesi più accreditata sembra essere quella della Igs di varese. Mentre per Marghera e Porto Torres ogni ipotesi sul futuro è rimandata. Senza contare l'indotto che gravita intorno ai tre stabilimenti, i lavoratori del gruppo che rischiano sono dei circa complessivi. I dati dell'Osservatorio di Cerved Group. Sui tassi di insolvenza il "disastro" lombardo trascina tutto il Nord, la parte più colpita del Paese. Un mese fa il governatore Draghi ha ricordato uno scritto preveggente di Carlo Cipolla, I decenni del declino, , in Storia facile dell'economia italiana Mondadori, Tre generazioni più tardi l'Italia era un Paese sottosviluppato.

I "soprannumero" sbattuti anche a decine di chilometri da casa. Scendono anche l'occupazione e le forze di lavoro, per effetto dello 'scoraggiamento".

Il dato, in linea alle attese degli economisti sentiti da Reuters, segna il livello più elevato dall'ultimo trimestre del Mille piccole crisi senza risonanza, il volto nascosto di un'economia dove la ripresa ancora non si vede. Viaggio tra aziende che chiudono, vertenze, contratti di solidarietà e cassa integrazione a zero ore. L'azienda annuncia anche esuberi e la cassa integrazione straordinaria. A Scandicci sindacati e azienda trovano l'accordo sulla cassa integrazione per i dipendenti dell' Isi , ex Electrolux, al centro di un tentativo di riconversione industriale.

A Catania la commissione regionale per l'impiego dà il via libera alla concessione della cassa integrazione in deroga per gli operatori del call center Ratio Consulta. Inizia lo sciopero alla Salami di Modena. A maggio scade la cassa integrazione e i sindacati temono che possano perdere il posto 35 dei dipendenti dell'azienda metalmeccanica.

La direzione aziendale si è detta disposta a valutare "tutti gli ammortizzatori sociali disponibili", da utilizzarsi "in ogni caso, nel rispetto dell'economicità della gestione per salvaguardare il lavoro di oggi e di domani". A Carpi prime ore di sciopero anche alla Steton che produce macchine per la lavorazione del legno. L'azienda ha annunciato 27 licenziamenti. Sindacato e lavoratori chiedono una riduzione del numero degli esuberi, l'allungamento della cassa integrazione straordinaria in scadenza dopo 12 mesi, l'impegno dell'azienda a integrare economicamente gli ammortizzatori sociali.

Scaduta la cassa integrazione ordinaria alla Somaschini spa , azienda metalmeccanica di Trescore Bergamo , azienda e sindacato firmano l'intesa sui contratti di solidarietà per dipendenti su Fa un passo indietro la società barese New Age che si era detta interessata all'acquisto dell' Arcte di Bologna , azienda di intimo e beach wear in concordato preventivo da febbraio dopo il fallimento della proprietaria Bdh, holding del gruppo Burani. A rischiare il posto ora sono tutti e i dipendenti, oggi in gran parte in cig.

New Age si era impegnata a salvare 50 posti di lavoro per almeno 5 anni. Il ripensamento è attribuito alla verifica sullo stato dell'azienda e del suo magazzino.

Teleperformance , azienda di call center, annuncia l'avvio delle procedure per il licenziamento di circa 1. La Slc-Cgil parla di "scelta vergognosa del management" e sottolinea che nel disastro del settore dei call center incide anche la "totale irresponsabilità dei grandi committenti che alimentano il dumping con gare al massimo ribasso".

Ma questo non è successo. Per poter guardare a un futuro di miglioramento Teleperformance auspica un immediato intervento governativo atto a regolamentare il mercato dei call center e richiede al governo di eliminare ogni forma di aiuto che leda la concorrenza. Il management si rende sin d'ora disponibile ad ogni confronto sul tema con le istituzioni". I lavoratori della Tecnol di Barberino del Mugello approvano l'accordo sulla cassa integrazione straordinaria per un massimo di 12 mesi a rotazione per addetti su L'azienda anticiperà la "cassa" e ne integrerà l'importo.

Con uno sciopero si apre la vertenza alla Chinook di Piossasco Torino dopo che l'azienda, che produce compressori ad aria, ha annunciato il licenziamento per 60 dei lavoratori a causa del calo di fatturato dell'ultimo anno. Secondo i sindacati, l'azienda ha ancora a disposizione sei mesi di cassa ordinaria e un anno di straordinaria. L'azienda produce box doccia multifunzione e vasche idromassaggio.

Si apre la vertenza alla Esa-Gv di Campogalliano Modena. L'azienda ha annunciato una quindicina di esuberi sui 39 dipendenti totali, la cassa integrazione straordinaria per 12 mesi senza rotazione né maturazione di ferie, premessi e tredicesima. Rsu e sindacato respingono il piano a partire dai licenziamenti e rilanciando la proposta dei contratti di solidarietà.

L'Esa-Gv si occupa di programmi informatici e apparecchiature per la gestione di macchinari a controllo numerico. La protesta è scattata dopo l'annuncio dell'azienda per l'avvio della cassa integrazione di nove lavoratori su quaranta. L'azienda Incanto di Matera, attiva nel settore del mobile imbottito, ha attualmente dipendenti in cassa integrazione ordinaria.

Fa notizia perché in questo giorno hanno ricevuto dall'Inps il pagamento delle spettanze relative al gennaio scorso. La Piaggio Aero Industries annuncia 13 settimane di cassa integrazione ordinaria, con possibilità di proroga, per dipendenti dello stabilimento di Finale Ligure. L'amministratore delegato dello stabilimento Italcementi di Sassari -Scala di giocca annuncia il licenziamento e la collocazione in mobilità per i 32 dipendenti. Sindacati e lavoratori chiedono un incontro alla Regione.

L'azienda metalmeccanica ha confermato l'intenzione di procedere al licenziamento di lavoratori su alla scadenza della cassa integrazione anziché chiedere la proroga della cig. I dipendenti dell'agenzia di vigilanza privata "La partenopea" di Napoli ricevono la lettera di licenziamento. L'istituto afferma che il provvedimento è causato dalla perdita di una serie di incarichi assegnati, tramite appalto, ad altre ditte del settore.

Bialetti chiude lo stabilimento piemontese di Omegna culla della celebre caffettiera Moka e dell'Omino coi baffi e mette in mobilità i dipendenti dell'impianto. La decisione, annuncia il gruppo, rientra nel piano di riorganizzazione della struttura industriale ed è legata alla "perdurante crisi congiunturale del mercato di riferimento".

Sciopero dei dipendenti al lavoro e presidio di quelli in cassa integrazione alla Keller di Palermo , fabbrica metalmeccanica. La protesta per rivendicare il pagamento dello stipendio di marzo e il mantenimento degli impegni assunti dalla Regione per sostenere il reddito dei lavoratori in cig.

Nel corso di un incontro informale, il titolare della Weissenfels Traction , Paolo Zanetti, comunica ai sindacati l'intenzione di chiudere l'azienda di Gemona Udine.

Una decisione che gela i 36 lavoratori visto che pochi giorni prima era stato sottoscritto l'accordo per la proroga della cassa integrazione ordinaria per altre 13 settimane. L'impresa produce catene da neve professionali. A Cagliari scendono in piazza i lavoratori socialmente utili impiegati dalle imprese che curano la pulizia delle scuole. Le rdb denunciano licenziamenti in Sardegna e 5mila in tutta Italia dai consorzi delle aziende del settore dopo il taglio di milioni di euro operato dal decreto A Gorizia viene sottoscritto l'accordo per la proroga di 12 mesi della cassa integrazione in deroga per i lavoratori della Eaton di Monfalcone.

Il sindacato auspica che la proroga consenta di pensare al futuro dello stabilimento dove sono oltre i dipendenti in cassa a zero ore. Nulla di fatto dall'assemblea dei soci di Geomeccanica di Venafro Isernia.

L'azienda, che produce macchinari per trivellazioni, è ferma da settimane e i 90 dipendenti sono in cassa integrazione.

L'assemblea doveva pronunciarsi sulla proposta di affitto dell'azienda per 48 mesi, presentata dalla Egt di Parma. Geomeccanica ha anche presentato una proposta di concordato preventivo al tribunale di Isernia. Intesa per limitare i danni alla Srs di Fiorano Modena. L'azienda, che lavora nel settore della serigrafia e della grafica, aveva annunciato un piano con 60 esuberi sui dipendenti. L'accordo prevede una riduzione degli esuberi a 40 con incentivi all'esodo.

ROMA - Non ci sono i soldi per prolungare la cassa integrazione ordinaria da 52 a 78 settimane. Non ci sono soldi per la norma cosiddetta salva-Eutelia, quella che avrebbe assicurato un sostegno ai lavoratori privi di qualsiasi ammortizzatore e senza stipendio da almeno tre mesi. Entrambe le misure sono state escluse, con la bocciatura in Commissione bilancio alla Camera, dal disegno di legge sugli ammortizzatori sociali.

A confermare che questo pericolo è reale sono le tante vertenze locali di cui non si parla nei tg, le "piccole crisi senza importanza" sulle quali Repubblica. Il sindacato annuncia che impugnerà i licenziamenti in quanto nulli, essendo stato firmato un mese fa l'accordo sulla cassa integrazione straordinaria per crisi. I sindacati incontrano il commissario straordinario della Provincia per chiedere lo sblocco dei mila euro stanziati dall'amministrazione provinciale a favore dei lavoratori del call center Phonemedia di Trino Vercellese , che attendono di ricevere la cassa integrazione in deroga riconosciuta loro a partire dal 22 febbraio.

L'ultimo stipendio ricevuto dai dipendenti di Trino, come quelli di tutto il gruppo Phonemedia circa 7mila è quello di settembre Con loro alcuni lavoratori dell'Eurallumina e dell'Alcoa.

La protesta per chiedere alle istituzioni un'iniziativa che porti alla riapertura della fabbrica. Gli 80 dipendenti della casa di cura privata "Villa Alba" di Agnano Napoli occupano la clinica e salgono sul tetto per protesta contro l'ipotesi di chiusura della struttura. Siglato a Cagliari l'accordo istituzionale per il reimpiego degli 83 lavoratori dell' ex Nuova Scaini in liquidazione, giunti alla quarta e ultima proroga dell'indennità di mobilità in deroga.

Dovrebbero essere impiegati in progetti degli enti locali e territoriali. A Zola Predosa Bologna inizia il blocco ai cancelli della Fini compressori. Rdb e sindacati contestano la decisione dell'azienda di mettere in mobilità dipendenti su in presenza di un accordo per la cassa integrazione in deroga. Dopo tre cicli di 16 settimane di cassa integrazione, in assenza di segnali da parte della proprietà, proclamano lo sciopero a tempo indeterminato i circa 50 dipendenti della ex Rdb oggi gruppo fantini Scianatico di Torano Castello Cosenza.

L'impresa produce laterizi e manufatti in cemento per costruzioni. A dicembre scadrà la cassa integrazione per tutti i lavoratori. Alla Basell di Terni scade il termine entro il quale, da annuncio dell'azienda, sarà avviata la procedura di cessazione delle attività dello stabilimento chimico ternano. I parlamentari pd eletti in Umbria chiedono l'intervento del ministero e del governo. L'incontro è convocato per il 20 aprile.

Raggiunto l'accordo di massima tra azienda, istituzioni e sindacati per concedere la cassa integrazione in deroga a 7 lavoratori, su dodici totali, licenziati il 31 marzo scorso dalla Comar di Sinalunga , azienda di carpenteria e macchinari per legno.

L'intesa prevede il ritiro dei licenziamenti ma andrà ratificata da tutti i soci dell'azienda. Rsu e lavoratori della Rockwool di Iglesias , da sei mesi in assemblea permanente all'interno dello stabilimento in località Sa Stoia, decidono di portare la propria lotta all'esterno e organizzano un "accampamento" sul ponte di Campo Pisano.

La cassa integrazione attivata dall'azienda produzione di lana di roccia per cessazione di attività sta per arrivare alla scadenza e al momento non si vede alcuna prospettiva per i lavoratori. Il deputato pd Massimo Marchignoli presenta un'interpellanza urgente al ministero per lo sviluppo economico sul caso della Cnh di Imola , controllata Fiat che produce macchine per movimento terra.

I dipendenti sono in cassa integrazione dal 31 agosto scorso e da allora la commissione tecnica attivata al ministero non è riuscita a trovare una nuova iniziativa industriale per salvare i posti di lavoro. La direzione della Istamp di Baldichieri d'Asti annuncia che l'azienda è costretta a chiudere per mancanza di commesse.

La fabbrica occupa una cinquantina di operai e dal produce stampi per grandi fabbriche quali Ceset e Piaggio. Del caso si parlerà nei prossimi giorni in un incontro tra le parti presso la Regione.

Solution, la newco che ha affittato macchinari e stabilimento e assunto 70 dei dipendenti della fallita Euroform di Pordenone. Anche in attesa delle decisioni del curatore fallimentare, Co.

Solution ha dato la disponibilità per gli adeguamenti richiesti al piano industriale e confermato il positivo avvio dell'attività in termini di ordinativi, fatturato e produttività. La Scm , azienda riminese attiva nella produzione di macchine per la lavorazione del legno conferma la volontà di chiusura dello stabilimento Scm di Pesaro Morbidelli e il trasferimento del personale nello stabilimento di Rimini su cui ha raggiunto un accordo con la Fiom Cgil di Pesaro.

La ristrutturazione è motivata con la crisi e l'andamento del mercato. L'azienda parla di 32 pensionamenti, 22 dimissioni volontarie, 21 contratti a termine in scadenza e 71 lavoratori richiamati dalla cassa integrazione a zero ore. I sindacati chiedono l'applicazione dei contratti di solidarietà per 24 mesi alla Europlastica di Pasiano di Pordenone , società di subfornitura nel mercato dell'elettrodomestico, in crisi da circa un anno e mezzo.

La richiesta è fatta in vista della scadenza degli ammortizzatori sociali oggetto dell'accordo vigente per i 77 dipendenti sul totale di dichiarati in esubero: I sindacati avranno 45 giorni di tempo per cercare una soluzione.

L'azienda metalmeccanica è un pezzo importante della storia industriale del Lecchese essendo stata fondata nella seconda metà del Settecento. Ci sarebbe una società americana interessata a insediare proprie attività nell'area dello stabilimento dell' ex Finmek di Santa Maria Capua Vetere Caserta. Lo ha annunciato il sindaco Giancarlo Giudicianni.

Sono i lavoratori ex Finmek al momento senza alcuna prospettiva occupazionale. I vertici di Nca di Marina di Carrara annunciano la cassa integrazione ordinaria al cantiere navale per 13 settimane; il provvedimento interesserà 25 dipendenti tra operai e impiegati ed è stato motivato con il mancato ottenimento di commesse pubbliche registrato all'incontro al ministero dello sviluppo economico.

In estate, quando il carico di lavoro è al minimo, la cig potrà arrivare a interessare dipendenti sul totale di Arrivano le prime 76 lettere di licenziamento agli operai della Fini compressori di Zola Predosa Bologna. L'azienda non intende recedere e Rdb e sindacati hanno dato mandato ai legali per impugnare i licenziamenti che riguardano dei dipendenti.

I Comuni di Zola e Casalecchio forniscono il pasto agli operai che presidiano la fabbrica. Nelle lettere la Fini afferma che non esistono "alternative al personale strutturalmente in esubero". I tagli riguardano soprattutto i settori produttivi: Il pd chiede l'intervento del ministero. Entro maggio ci sarà un nuovo incontro sulla situazione dei 60 dipendenti della controllata Cervino per i quali la cassa integrazione per crisi scade il 24 maggio. Stato di agitazione alla Playtex di Pomezia dopo l'annuncio del licenziamento, il prossimo giugno, dei dipendenti, quasi tutte donne.

Rsu e lavoratori presidiano i cancelli con picchetti, striscioni, manifesti e proteste. L'azienda ha dato la disponibilità a sospendere i licenziamenti e ad attivare la cassa integrazione ordinaria fino alla fine di maggio, quando si concluderanno le verifiche aziendali sulle condizioni minime per un rilancio. Negli ultimi 18 mesi, 28 lavoratori su 47 sono stati in cassa a zero ore. Due ore di presidio sotto i Portici del grano per i lavoratori Telecom della provincia di Parma.

La protesta è contro il piano industriale annunciato dall'azienda che prevede migliaia di esuberi. Approvata la mobilità in deroga per quindici lavoratori della Pumex di Lipari. Lo ha deciso la Commissione regionale per l'impiego. A febbraio avevano usufruito del beneficio altri 3 dipendenti.

La Pumex, che produceva pomice per uso cosmetico ed edilizio, chiuse nell'estate del lasciando a piedi 38 dipendenti. Edoardo Tusacciu, inventore delle barrette magnetiche e del gioco Geomag, comunica al tribunale di Tempio che non ci sono le condizioni per rispettare il concordato preventivo siglato nel Tusacciu ha fatto sapere che appena possibile trasferirà in Cina idee e progetti. E' stato proclamato per il 3 maggio lo sciopero della guardie giurate della "Veritas" di Catania , che non ricevono lo stipendio da tre mesi.

Dalle 14 si terrà un presidio davanti alla prefettura. I sindacati metalmeccanici della Sidel di Parma proclamano un giorno di sciopero per il 21 aprile dopo che l'azienda ha annunciato esuberi a seguito della delocalizzazione in Cina del reparto "asettico". La Sidel è una multinazionale che produce impianti per l'alimentare.

A pesare nella valutazione delle agenzie di rating e degli istituti di ricerca sono ancora i numeri enormi sulla cassa integrazione e il rischio che, a scadenza delle tutele sociali, molti cassintegrati restino senza occupazione. Sul futuro prossimo incidono le scelte industriali di grandi gruppi come Telecom - che ha appena annunciato 6. Il terzo punto settimanale di Repubblica. Sabato 17 aprile - Scade dopo un anno la cassa integrazione straordinaria per i circa lavoratori della Kme di Fornaci di Lucca ex Europametalli.

In vista dell'incontro con l'azienda, il sindacato ritiene possibile attivare i contratti di solidarietà per evitare tagli al personale. Lo afferma Vincenzo Cinquini, segretario della Fim Cisl. Scade il periodo di ferie imposto a sette dipendenti su dieci dall'istituto di vigilanza National Security di Pescara. Il sindacato Ugl chiede un incontro al prefetto e al questore per sbloccare la vertenza e avere lumi dall'azienda sul futuro dei lavoratori interessati. Sono 68 i dipendenti dei cantieri navali Baglietto di Pisa per i quali scatta dal 19 la cassa integrazione straordinaria.

La Fillea-Cgil esprime preoccupazione per il futuro dei lavoratori e per i dell'indotto e auspica che nel tempo della cigs l'azienda presenti un piano industriale "ai dipendenti, alle banche e all'indotto". E' attesa a giorni la nomina, da parte del tribunale, del liquidatore della società Emicom ex Alnuatel con stabilimento a Terni e sede a Massa Martana. L'azienda produceva cabine e pannelli per telefonia mobile e fissa ed è in liquidazione da oltre un mese e mezzo con dipendenti in cassa integrazione.

Domenica 18 aprile - L'avvocato Francesco Dimundo, commissario giudiziale della Multimedia Planet srl , controllata Phonemedia , chiede al ministero del Welfare l'attivazione rapida della cassa integrazione straordinaria per i operatori del call center di Bitritto Bari e i di quello di Trapani. La richiesta fa seguito al decreto con cui il tribunale di Vibo Valentia ha dichiarato lo stato di insolvenza della Multimedia Planet, nominando un custode giudiziario e facendo sequestrare conti e carte dell'azienda.

Il verdetto segue quelli identici pronunciati da altri tribunali d'Italia per altri call center Phonemedia rilevati dal gruppo Omega. La vertenza nazionale riguarda circa 7mila lavoratori senza stipendio dal settembre I sindacati giudicano la proposta "inaccettabile" e decidono di bloccare la produzione; il presidio ai cancelli durerà fino al 23 quando ci sarà un nuovo incontro fra le parti. Scatta la cassa integrazione straordinaria a rotazione per i dipendenti della It Holding , gruppo del lusso finito in amministrazione straordinaria.

La gran parte dei lavoratori interessati circa dipendono dallo stabilimento Ittierre di Pettoranello del Molise Isernia ; gli altri saranno individuati nelle sedi di Firenze e Milano. Secondo quanto riferito da Gianluca Ficco, coordinatore nazionale Uil per il settore, il piano prevede investimenti per 43 milioni nei prossimi tre anni, ma anche una riduzione del personale di unità sugli attuali 1.

La Regione Friuli Venezia Giulia sollecita un incontro con Assindustria e istituzioni e con la proprietà della Leader Pumps di Trasaghis per una verifica dello stato di crisi. L'azienda, che produce pompe meccaniche, ai primi di marzo ha annunciato a sorpresa la chiusura della fabbrica friulana 67 lavoratori.

Secondo i sindacati, la causa non è la mancanza di mercato, ma l'intenzione di delocalizzare in Cina. Il comitato Assemblea 29 giugno che riunisce dipendenti fs e cittadini colpiti dalla tragedia ferroviaria di Viareggio promuove un presidio alla stazione di Pisa per contestare il licenziamento, dopo 44 mesi di lavoro, di 11 apprendisti delle Ferrovie dello Stato. L'azienda replica dicendo che non si tratta di licenziamenti, ma di contratti a scadenza non rinnovati.

La Flai Cgil definisce la decisione "un fulmine a ciel sereno" e proclama uno sciopero a oltranza finché la proprietà non aprirà un tavolo di confronto. Il commissario straordinario chiede al tribunale di Reggio Emilia di ammettere ai benefici della Legge Marzano tutto il gruppo Mariella Burani fashion inclusa la controllata Antichi pellettieri.

Contestualmente viene deciso il ricorso alla cassa integrazione straordinaria a zero ore e per un anno per dipendenti. La Cnh gruppo Fiat avvia la procedura di mobilità per 60 dipendenti su dello stabilimento di San Mauro Torinese. Il provvedimento, su base volontaria e incentivata, riguarda lavoratori che abbiano i requisiti per l'accompagnamento alla pensione.

I dodici operai della cooperativa irrigua Jato di Partinico occupano le paratie della diga e minacciano di aprirle e disperdere l'acqua in assenza di risposte da parte del consorzio di bonifica Palermo 2 circa la loro promessa assunzione.

I sindacati nazionali del settore comunicazioni proclamano per il 30 aprile uno sciopero generale dei lavoratori di Teleperformance a Taranto e Roma si terranno due manifestazioni contro l'intenzione dell'azienda di licenziare circa milla dipendenti.

Segnala l'inserzione - viene aperta una nuova finestra o scheda. Descrizione Spedizione e pagamenti. Questo strumento di traduzione è solo per tua comodità. Non garantiamo l'accuratezza della traduzione. Il venditore si assume la piena responsabilità della messa in vendita dell'oggetto.

Oggetto nuovo, non usato, non aperto, non danneggiato, nella confezione originale ove la confezione sia prevista. Per ulteriori dettagli vedi l'inserzione. Vedi tutte le definizioni delle condizioni la pagina si apre in una nuova finestra o scheda Maggiori informazioni sulla condizione. Visita il mio Negozio eBay. Informazioni sul venditore professionale. Clicca qui per ulteriori dettagli sulle Restituzioni. Per le transazioni idonee, sei coperto dal programma Garanzia cliente eBay se ricevi un oggetto non conforme alla descrizione.

Questo oggetto viene spedito in Francia , ma il venditore non ha specificato le opzioni di spedizione. Contatta il venditore - si apre in una nuova finestra o scheda e chiedi il servizio di spedizione per il tuo indirizzo. Impossibile calcolare le spese di spedizione. Inserisci un CAP valido. Sono presenti 1 oggetti disponibili.

Inserisci un numero inferiore o uguale a 1. Seleziona un Paese valido. I tempi di consegna possono variare, specialmente durante le festività. Dettagli per il pagamento. Termini di pagamento del venditore Au Club Mécanique, nous savons que vos envois sont urgents, aussi nous expédions généralement en 24H après votre paiement Paypal, et 48H après réception de votre cheque ou virement.

Reglez immédiatement aprés votre commande pour que votre colis soit expédié dans les 16H ouvrées qui suivent la vente, et donc plus vite chez vous! Importo della spedizione Circa: La tua offerta massima al momento: Migliora le possibilità di aggiudicarti l'oggetto impostando un'offerta massima più alta.

Come funzionano le offerte automatiche? Appena vengono effettuate offerte da altri utenti, eBay aumenta automaticamente la tua offerta in piccoli incrementi, fino al tuo limite massimo. Chiude la finestra dell'Aiuto. Cliccando sul pulsante, ti impegni a acquistare l'oggetto dal venditore e a effettuare il relativo pagamento se risulti il migliore offerente. Leggi con attenzione tutto il testo dell'inserzione.

Inviando la tua offerta, ti impegni ad acquistare l'oggetto dal venditore se risulti il migliore offerente. Hai letto e accettato i termini e le condizioni - viene aperta una nuova finestra o scheda del Programma di spedizione internazionale. Le spese di importazione precedentemente indicate sono soggette a modifica se aumenti l'importo dell'offerta massima. Cliccando su Conferma , ti impegni ad acquistare l'oggetto dal venditore se risulti il migliore offerente. Cliccando su Conferma , ti impegni ad acquistare l'oggetto dal venditore se risulti il migliore offerente e dichiari di aver letto e accettato i termini e le condizioni - viene aperta una nuova finestra o scheda del Programma di spedizione internazionale.

Il contenuto sta per essere aggiornato. La tua offerta è stata superata. Non lasciartelo sfuggire, fai un'altra offerta! La tua offerta è stata superata da un'offerta automatica inviata da un altro utente. Al momento la tua offerta è la più alta per quest'oggetto, ma potrebbe essere superata.

Questa inserzione sta per scadere e al momento sei il miglior offerente. Al momento la tua offerta è la più alta per questo oggetto, ma il prezzo di riserva non è stato ancora raggiunto.

porno catégorie escort se deplace Numerous top economists say that porno catégorie escort se deplace bank bailouts are the largest robbery and redistribution of wealth in history. L'azienda, che produce pompe meccaniche, ai primi di marzo ha annunciato a sorpresa la chiusura della fabbrica friulana 67 lavoratori. Sui tassi di insolvenza il "disastro" lombardo trascina tutto il Nord, la parte porno big escort chelles colpita del Paese. Security experts — including both conservatives and liberals — agree that waging war in the Middle East weakens national security and increases terrorism. Secondo quanto riferito da Gianluca Ficco, coordinatore nazionale Uil per il settore, il piano prevede investimenti per 43 milioni nei prossimi tre anni, ma anche una riduzione del personale di unità sugli attuali 1. Je suis pratique tout, sucer,sodo,fellation,beco et scuolearcobaleno. Personal freedom and liberty — and freedom from the arbitrary exercise of government power — are strongly correlated with a healthy economy, but America is descending into tyranny.

2 Replies to “Porno catégorie escort se deplace”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *